Politica Mondo

Corea del Nord vuole testare bomba H nel Pacifico. E Kim minaccia Trump

Corea del Nord vuole testare bomba H nel Pacifico. E Kim minaccia Trump

Corea del Nord vuole testare bomba H nel Pacifico. E Kim minaccia Trump (Foto Ansa)

PYONGYANG – La Corea del Nord potrebbe condurre il più potente test di bomba all’idrogeno nell’Oceano Pacifico, tra le “azioni di più alto livello” contro gli Stati Uniti: ad ipotizzarlo è il ministro degli Esteri nordcoreano Ri Yong-ho, riporta l’agenzia Yonhap, in merito alle affermazioni del leader Kim Jong-un che sta considerando le più potenti iniziative in risposta al presidente americano Donald Trump e alla sua minaccia di “distruzione totale” del Paese eremita.

“Potrebbe essere la detonazione più potente di bomba all’idrogeno nel Pacifico”, ha affermato Ri, a New York per seguire i lavori dell’Assemblea generale dell’Onu, aggiungendo però “di non avere idea di quali azioni potrebbero essere prese dato che saranno ordinate dal leader Kim Jong-un”.

A partire dal 2006 Pyongyang ha effettuato un totale di sei test nucleari, di cui l’ultimo, il più potente, risale al 3 settembre ed è stato rivendicato come la detonazione di ordigno all’idrogeno.

Le parole del ministro degli Esteri nordocoreano arrivano dopo il bellicoso discorso all’Onu di Trump, che ha minacciato la distruzione totale di Pyongyang se provocati, e dopo quelle dello stesso Kim Jong-un, che ha diffuso (per la prima volta nella storia del Paese) una dichiarazione a suo nome rivolta alla comunità internazionale.

Kim ha definito Trump “un folle”, assicurandogli che pagherà “caro” per le sue minacce al Paese asiatico: a conferma di una situazione in cui i tradizionali parametri di riferimento sono saltati, il ministero dell’Unificazione di Seul ha rimarcato che sia Kim Il-sung, il fondatore dello Stato e “presidente eterno”, sia Kim Jong-il, il “caro leader”, non hanno mai fatto iniziative del genere quando erano al potere. Il portavoce del ministero Baik Tae-hyun ha invitato il Nord a fermare le provocazioni che porterebbero “al suo isolamento e alla sua rovina”.

Kim ha accusato Trump di non essere adeguato per ricoprire il ruolo di “comandante in capo di un Paese”. Il capo del regime nordcoreano ha descritto il presidente americano come “una canaglia e un bandito, desideroso di giocare con il fuoco”.

Il discorso del presidente americano ha convinto Kim – riferisce l’agenzia nazionale nordcoreana – che “il percorso da me intrapreso è corretto e lo seguirò fino alla fine”. Il dittatore asiatico ha aggiunto di stare “pensando intensamente alla risposta da dare”. In ogni caso “Trump pagherà caro per il suo discorso in cui ha minacciato la totale distruzione della Corea del Nord”.

To Top