Blitz quotidiano
powered by aruba

Elezioni Usa: Fbi chiude caso email Clinton. Trump teme ko

ROMA – Elezioni Usa: Fbi chiude caso email Clinton. Trump teme colpo ko. Hillary Clinton esce pulita dalla indagine Fbi sulle sue mail: una nuova lettera del numero uno dell’Fbi, James Comey, al Congresso, certifica, senza giri di parole, che l’indagine sulle email di Hillary Clinton è chiusa. Tutte sono state esaminate, senza che sia stata trovata traccia di illeciti. Per questo – scrive Comey – non ci sarà nessuna richiesta di incriminazione dell’ex segretario di stato.

“Valgono le stesse conclusioni del luglio scorso”, afferma, quando l’Fbi bacchettò Clinton per la disinvolta e imprudente gestione del suo account privato di posta elettronica ma non riscontrò reati. La lettera si aggiunge al fatto che tutti i sondaggi di questo weekend che precede l’Election Day vedono la candidata democratica accelerare verso il traguardo e in vantaggio nello sprint finale. Con l’impetuosa rimonta di Donald Trump che sembra aver esaurito la sua spinta. Ora la lettera del capo Fbi, un colpo durissimo per Trump, forse quello del ko.

Mentre la candidata democratica, dopo la ‘sorpresa d’ottobre’ che l’aveva fatta precipitare nei sondaggi, tira un enorme sospiro di sollievo. Si dice soddisfatta e ora guarda con grande ottimismo a martedì 8 novembre. Anche perché nelle ultime ore a spingere la candidata democratica ci sono soprattutto gli elettori ispanici, che hanno approfittato del fine settimana per recarsi in massa alle urne per il voto anticipato. Con i dati sull’affluenza in stati chiave come la Florida o il Nevada che fanno sorridere la campagna della Clinton.

Anche se finora non si è registrato il boom del 2008 quando in gara c’era Barack Obama. Ma ciò che ai democratici importa è che all’ultimo miglio della sua corsa Trump rischia di pagare cara la linea del pugno duro contro l’immigrazione, quella del muro con il Messico e della stretta sugli ingressi. Col Washington Post che definisce la candidatura del miliardario newyorchese “un assoluto disastro demografico” per il partito repubblicano, che negli ultimi anni aveva tentato come non mai di corteggiare il blocco degli elettori latinos.

Blocco divenuto sempre più decisivo negli Usa in chiave elettorale e che già era costato la sconfitta a Mitt Romney nel 2012. Ma sono ancora una decina gli stati che i sondaggi danno in bilico, dove tra i due candidati ci sono meno di 5 punti di differenza, e in alcuni c’è ancora un testa a testa. E’ qui che in queste ore si svolge una vera e propria caccia all’ultimo voto, dalla Florida all’Ohio, dalla Pennsylvania alla North Carolina.

Vincere uno di questi stati vuol dire acquisire una dote di grandi elettori che può rivelarsi determinante per raggiungere il ‘magic number’ dei 270 necessari per la conquista della presidenza. I dati delle ultime rilevazioni sono comunque una boccata d’ossigeno per Hillary Clinton: avanti di 5 punti per Abc/Washington Post (48% a 43%), di 4 punti per Nbc/Wall Street Journal (44% a 40%) e di 3 punti per Politico/Morning (45% a 42%).

Gli ultimi sondaggi sugli elettori latinos, poi, mostrano come di fatto oltre il 67% ha votato o voterà per Clinton, solo il 19% per Trump: sarebbe il minimo storico per un candidato repubblicano. George W.Bush nel 2004 vinse il 44% dei voti dei latinos, John McCain nel 2008 il 31%, Mitt Romney nel 2012 il 27%. Ancora una volta, questa può essere davvero la chiave della eventuale vittoria della ex first lady. Intanto sui media si comincia a immaginare chi siederà nello Studio Ovale con Hillary Clinton.

E ci si interroga su chi del suo staff personale debba o non debba entrare nelle segrete stanze. John Podesta, attualmente responsabile di Hillary for America, sembra avviato verso un posto di governo. Per Jake Sullivan, direttore politico della campagna, si pensa a un ruolo di consigliere per la sicurezza nazionale o di chief of the staff. E poi Michele Flournoy, in pole al Pentagono, e William Burns per il Dipartimento di stato. Mentre dubbi ci sono sul ruolo della fedelissima Huma Abedin, che insieme all’ex marito è all’origine della bufera Fbi.