Blitz quotidiano
powered by aruba

Elezioni Usa, Hillary Clinton avanza grazie alla “ondata ispanica”

NEW YORK  – Quando alle elezioni mancano oramai soltanto due giorni arrivano buone notizie per Hillary Clinton. Gli ultimi dati sull’affluenza indicano come nel weekend si stia verificando una vera e propria ondata di elettori ispanici alle urne per il voto anticipato. Un’ondata che riguarda anche gli stati in bilico che Donald Trump avrebbe bisogno di vincere per completare la rimonta e conquistare la fatidica soglia dei 270 grandi elettori necessari per la conquista della Casa Bianca.

Secondo molti osservatori, sembra che la strategia della candidata democratica di puntare molto nelle ultime ore sulla Florida, con la presenza anche di Barack Obama, possa dare i frutti sperati. Col New York Times che parla di ‘scatto di Hillary’. In Florida – dove secondo la media dei sondaggi Clinton èavanti di soli 1,2 punti – nelle ultime ore l’affluenza dei democratici alle urne per la prima volta dall’inizio del voto anticipato nello stato e’ superiore a quella dei repubblicani.

Un dato che aumenta le chance di vittoria di Hillary nel Sunshine State che mette in palio ben 29 grandi elettori. Se Trump li dovesse perdere il suo cammino verso la casa Bianca diventerebbe quasi una chimera, sottolineano molti commentatori. Il rovescio della medaglia e’ che il dato di queste ore sull’affluenza dei democratici alle urne per il voto anticipato in Florida non ha niente a che vedere con il boom del 2008, quando ispanici e afroamericani si recarono in massa a votare per Barack Obama.

Sono 5,7 milioni gli elettori della Florida che hanno gia’ votato nelle ultime due settimane. Anche in Nevada – dove secondo la media dei sondaggi Trump e’ avanti di 2 punti – le code di democratici che vogliono esprimere la loro preferenza in anticipo sono – riportano i media – sempre piu’ numerose e lunghe. E anche qui i dati sull’affluenza confermano questa tendenza.