Blitz quotidiano
powered by aruba

Evo Morales, libro su coca al Papa: “Gliela consiglio” FOTO

CITTA’ DEL VATICANO  –  Dopo il crocifisso con la falce e il martello, il libro sulla coca. Il presidente boliviano Evo Morales stupisce ancora papa Francesco con il suo regalo. Ricevuto in Vaticano per una udienza privata, il capo di Stato indio ha portato al pontefice alcuni doni.

Il primo, contenuto in una grande scatola rivestita con disegni e colori di impronta indigena, era un busto in legno di Tupac Katari, leader indigeno (1750-1781), capo aymara di una delle più significative rivolte indigene contro le autorità coloniali nell’Alto Perù, l’attuale Bolivia, che fu torturato e ucciso per squartamento.

Quindi Morales ha dato al Papa una cartella con dentro dei documenti, tirandone fuori uno in particolare: “Qui c’è una letterina che le mandano i Movimenti Popolari”, ha detto, con riferimento all’incontro mondiale di tali Movimenti cui il Papa intervenne nel luglio dell’anno scorso proprio in Bolivia, a Santa Cruz de la Sierra.

“Adesso il tema della coca”, ha quindi introdotto il presidente boliviano, tirando fuori tre libri, dai titoli “Coca, una bio-banca”, “Coca, dieta citogenica”, “Coca, fattore anti-obesità”. Il Papa li ha presi dicendo semplicemente “grazie”. E Morales ha aggiunto, a proposito della bevanda tradizionale a base di coca: “Io la prendo e mi fa molto bene. Gliela raccomando. Così ce la fa per tutta la vita”.

Bergoglio ha ricambiato ai regali col medaglione di San Martino che cede il suo mantello al povero. Il presidente boliviano è intervenuto dicendo. “Io vengo da un Paese il cui patrono è San Francesco, sono stato in un sindacato che aveva il nome di San Francesco, e ora c’è un Papa che si chiama Francesco”. Il Pontefice ha allora aggiunto: “Ora le do due testi, il primo sull’amore e la famiglia (l’esortazione Amoris Laetitia, ndr) e l’altro il mio ‘Il nome di Dio è misericordia”.

Evo Morales non è nuovo a doni particolari a papa Francesco. Nel luglio 2015, durante la visita del pontefice in Bolivia, gli regalò un crocifisso a forma di falce e martello. Il dono, che il Pontefice portò poi con sé in Vaticano, fece molto discutere anche se si trattava della riproduzione di un oggetto disegnato dal padre gesuita Luis Espinal, difensore in Bolivia di operai e minatori, ucciso dai paramilitari del regime di Luis Garcia Meza il 22 marzo 1980, due giorni prima di monsignor Oscar Romero in Salvador.

(Foto Ansa)

Immagine 1 di 6
  • Evo Morales, libro sulla coca al Papa: "Gliela consiglio" 7
Immagine 1 di 6

PER SAPERNE DI PIU'