Politica Mondo

G7, accordo su migranti e terrorismo, ma non sul clima

G7, accordo sui migranti, ma non sul clima

G7, accordo sui migranti, ma non sul clima (Foto Ansa)

TAORMINA (MESSINA) – Alla prima giornata del G7 di Taormina (Messina) risultati a metà: c’è l’accordo sulla lotta al terrorismo e si è raggiunto un compromesso sulla questione migranti, ma non sul clima.

Sui migranti “è stato raggiunto un buon compromesso: si riconosce l’approccio globale al problema, anche a lungo periodo con il coinvolgimento dei paesi di origine e la responsabilità condivisa”, spiegano le fonti diplomatiche che seguono il dossier. La discussione vera e propria al tavolo del G7 “ci sarà sabato” ed è “ovvio si continui a lavorare sui due paragrafi” ad hoc del testo finale, ma “non ci sono problemi” con gli americani, che hanno chiesto maggiore attenzione alla sicurezza.

“Resta sospeso l’accordo sui temi del cambiamento climatico su cui l’amministrazione americana ha in corso una riflessione”, ha spiegato il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in conferenza stampa. Poi la precisazione:”Siamo però fiduciosi che anche gli Stati Uniti vorranno partecipare agli accordi dei trattati di Parigi e ci auguriamo che siano decisioni positive già nel corso dei prossimi giorni o settimane”.

San raffaele

Sul clima il presidente Usa Donald Trump promette di ascoltare, ma in realtà ha già dato il via libera a nuove trivellazioni, alla costruzione di altri oleodotti, ha ridotto i limiti per l’emissione dei gas nocivi.

Sul commercio, lo slogan ‘America first’ basta da solo a spiegare che il neo protezionismo trumpiano non potrà mai sposarsi con le aspirazioni europee al libero commercio. In questo Trump trova in Europa una sponda fedele in quella Theresa May che sta portando il suo Paese fuori dall’Unione europea. Ma la stessa May, a proposito del binocolo rovesciato, litiga furiosamente con Trump visto che gli Stati Uniti, per la seconda volta in pochi giorni, si sono fatti scappare notizie riservate fornite loro da intelligence amiche. Questa volta sull’attentato di Manchester.

Il compromesso sui migranti è molto spostato sulla sicurezza, una forte richiesta degli Stati Uniti, mentre forse sarebbe stato opportuno insistere maggiormente sulla solidarietà comune di fronte a una sfida globale.

Per gli europei incontrare Trump è stato traumatico. Lui sicuramente non è avvezzo alle raffinatezze diplomatiche di stampo brussellese. Loro hanno percorsi mentali articolati ed elaborati. Il giornale tedesco Der Spiegel ha citato una frase che sarebbe stata detta da Trump riguardo ai ‘tedeschi cattivi’. In molti hanno cercato di precisare e smussare, limare e aggiustare quella che per qualche ora è sembrata una nuova gaffe. Poi ci ha pensato la cancelliera Angela Merkel a riportare le cose in ordine. Al termine di un bilaterale con il presidente Usa ha definito l’incontro ‘vivace e franco’. Tradotto dal diplomatichese vuol semplicemente dire che non è andato per niente bene.

 

 

 

 

To Top