Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Hillary Clinton parla dopo la sconfitta: “Siamo pronti a collaborare”. E si commuove

NEW YORK – Donald Trump vince e Hillary Clinton si fa attendere. Solo alle 17:41 ora italiana la candidata democratica alla presidenza degli Stati Uniti è apparsa nel suo quartier generale di New York e ha parlato della inattesa sconfitta e mentre parla si commuove. “Io amo l’America, e se anche voi l’amate dobbiamo guardare al futuro. E’ una sconfitta dolorosa, ma ora Donald Trump è il nostro presidente. Siamo pronti a collaborare”.

L’esordio è pacato, ma il discorso prosegue parlando dei “valori” sanciti dalla Costituzione americana, quelli, insomma, di cui Trump ha spesso dimostrato di disprezzare: “Tutti gli uomini sono uguali e devono rispettare la legge”. Poi il messaggio già portato avanti in campagna elettorale: “Dobbiamo far sì che il sogno americano sia grande per tutti, per persone di tutte le religioni, di tutte le etnie, per le persone della comunità omo, per i disabili”.

Tra i ringraziamenti, Hillary Clinton ha ricordato il vice Tim Kaine e Barack e Michelle Obama: “Vi ringraziamo per la vostra leadership determinata, che ha significato tantissimo per tanti americani e per tante persone in tutto il mondo”. Poi il ringraziamento al marito Bill e alla figlia Chelsea, e al suo staff: “Siete i migliori di qualunque staff e di qualunque altra campagna”.

“Ho dedicato la mia vita a lottare per quello in cui credo. Ho avuto successi e anche delle sconfitte, a volte molto dolorose. Anche voi avrete delle sconfitte, ma non smettete mai di lottare per quello in cui credete e di credere che sia giusto farlo”.

Infine, un messaggio alle donne: “Nulla mi ha reso più orgogliosa se non di essere la vostra sostenitrice. So che ancora non possiamo rompere quel soffitto di cristallo, ma so che un giorno qualcuno lo farà, e sperò sarà il prima possibile. E a tutte le bambine che ci stanno guardando, non dubitate mai del vostro valore e del vostro potere, e che meritate ogni possibilità del mondo di poter realizzare i vostri sogni e il vostro potenziale. Infine sono grata a questo nostro Paese. Ogni giorno ringrazio di essere americana, e credo che se restiamo uniti e collaboriamo i nostri giorni migliori devono ancora venire”.

 


PER SAPERNE DI PIU'