Politica Mondo

Il Messico sfida Trump: “Muro? Noi non lo paghiamo”

Il Messico sfida Trump: "Muro? Noi non lo paghiamo" (foto Ansa)

Il Messico sfida Trump: “Muro? Noi non lo paghiamo” (foto Ansa)

CITTA’ DEL MESSICO – Il ministero degli Esteri messicano, Luis Videgaray, ha detto che è “semplicemente non negoziabile che il Messico paghi per il muro che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump vuole costruire al confine tra i due Paesi”.

“Ci sono delle cose che non sono negoziabili, delle cose che non possono né saranno negoziate – ha detto Videgaray -. Dire che il Messico possa pagare per il muro è una cosa semplicemente non negoziabile”. Il capo della diplomazia messicana si è poi detto fiducioso sulla possibilità di arrivare ad un’intesa sui rapporti commerciali tra i due Paesi, dopo che Trump ha attaccato duramente il Nafta, l’accordo di libero scambio tra Stati Uniti e Messico, che a suo dire sarebbe “a senso unico”. “Arriveremo ad accordi, accordi molto buoni – ha assicurato il ministro – siamo sicuri che questo è quello che conviene di più al Messico, agli Stati Uniti ed alla regione”.

Trump ha detto che farà pagare il muro ai messicani con un dazio del 20% su tutti prodotti importati dal Messico (il loro valore complessivo è di oltre 300 miliardi di dollari). “Una idea da ignoranti”, come ha detto l’economista Paul Krugman che ha definito la misura da “incompetenti e ignoranti”. Se Trump mette una tassa sulle auto americane che importiamo dal Messico, saranno gli americani e non i messicani a pagare il muro. Argomento sostenuto anche dal ministro Videgaray che precisa: “Mettere un dazio sulle merci importate dal Messico significa che il consumatore americano pagherà una automobile, una lavatrice o un avocado”.

To Top