Politica Mondo

Ivanka Trump adorata come “dea” in Cina. Ha anche un fan club dedicato

Ivanka Trump adorata come "dea" in Cina. Ha anche un fan club dedicato

Ivanka Trump adorata come “dea” in Cina. Ha anche un fan club dedicato

PECHINO – Mentre negli Stati Uniti e in Europa c’è chi la ammira e chi la boicotta, in Cina Ivanka Trump è adorata come una dea, tanto che in suo onore è stato aperto un fan club, chiamato “la dea Ivanka”, a cui sono iscritte oltre dodicimila persone, come se fosse una star di Hollywood.

Sono molte le donne che ammettono di adorare la figlia prediletta di Donald Trump: soprattutto giovani studentesse, ma anche casalinghe e madri di famiglia.  “Molte persone in Cina amano Ivanka per la gentilezza che ha mostrato nei confronti del popolo cinese”, ha spiegato al New York Post Hu Xingdou, blogger e professore dell’Università di Pechino, riferendosi alla visita di Ivanka all’ambasciata cinese per le celebrazioni dell’anno lunare.

San raffaele

A conquistare il cuore dei cinesi è stato anche il video, diffuso da Ivanka Trump su Instagram, in cui la figlioletta Arabella canta in mandarino per il presidente Xi Jinping.  Il video è diventato virale in Cina, e secondo Xingdou è stato “un toccasana per la cultura nazionale cinese perché dimostra che la nostra cultura gode di considerazione anche a livello internazionale”.

Se fin qui si tratta di reazioni contenute, c’è anche chi ammette di non muovere un passo senza pensare ad Ivanka. Studentesse che si alzano al mattino e pensano: “Che cosa farebbe ovvi Ivanka?”. Giovani donne che seguono alla lettera i consigli della first daughter, come alzarsi alle sei di mattina e leggere per mezz’ora.

 

Il motivo di questa ammirazione lo spiega la professoressa Guosheng Chen del Royal Melbourne Institute of Technology: “I cinesi amano le persone che lavorano duramente per la propria carriera e apprezzano chi dimostra di possedere grandi doti professionali. Ivanka è intelligente e molto professionale e la maggior parte delle nuove generazioni cinesi sperano che un giorno, in un futuro non troppo lontano, lei possa diventare presidente”.

To Top