Blitz quotidiano
powered by aruba

Ivanka Trump, la figlia prediletta del presidente sarà la prima donna alla Casa Bianca?

WASHINGTON – La donna forte alla Casa Bianca di Donald Trump non sarà la first lady, come nella coppia Barack-Michelle Obama, ma la first daughter. Ivanka Trump, o meglio Ivanka Kushner, figlia del presidente eletto e della sua prima moglie Ivana, ha già fatto discutere per essere stata presente all’incontro del padre con il premier giapponese, Shinzo Abe. 

Lei, la figlia prediletta di Trump, insieme al marito fa parte del transition team del presidente eletto. Ma è anche colei che dovrà gestire gli affari del padre durante la sua presidenza. In molti parlano di conflitto di interessi. Ma sul tabloid britannico The Daily Star c’è chi si spinge oltre: Jess Bell riferisce persino di chi la vede come la prima donna alla Casa Bianca, dopo il fuoco di paglia della candidatura di Hillary Clinton.

Ex modella e imprenditrice, madre di tre figli, Ivanka Trump intanto non si fa mancare occasione per accompagnare il padre, che alla Casa Bianca vivrà senza Melania e l’ultimo figlio, Barron, di 10 anni. Moglie e figlioletto, infatti, resteranno nella Trump Tower di Manhattan fino a quando il piccolo non avrà terminato l’anno scolastico, anche se a Washington ci sono scuole private che in passato hanno già avuto tra i propri banchi figli di presidenti, come le obamiane Malia e Sasha e, prima di loro, Chelsea Clinton.

Se Ivanka non manca mai, anche il marito non è da meno. Miliardario, ebreo ortodosso, 35 anni, secondo molti potrebbe diventare uno dei consiglieri più stretti del presidente, almeno dietro le quinte. Per legge, infatti, una legge del 1967 proibisce al Presidente degli Stati Uniti di assumere parenti e familiari. Almeno ufficialmente.

 

 

 


PER SAPERNE DI PIU'