Politica Mondo

Obama espelle 007 russi: vendetta per hacker alle elezioni

Obama espelle 007 Mosca: vendetta per hacker russi

Obama espelle 007 Mosca: vendetta per hacker russi

WASHINGTON  – Vendetta senza precedenti di Barack Obama contro la Russia: cacciati 35 funzionari dei servizi segreti russi. Il presidente uscente americano ha disposto severissime sanzioni dirette contro le due principali agenzie di intelligence russe, il Gru e l’Fsb, il primo per lo spionaggio militare all’estero, l’altro per il controspionaggio. La ritorsione si deve alle interferenze degli hacker russi nelle elezioni presidenziali americane, accusati di aver favorito l’elezione di Donald Trump. La risposta del Cremlino non si è fatta attendere: la Russia ha infatti chiusi la scuola anglo-americana di Mosca.

Colpiti anche quattro ufficiali del Gru e tre società che hanno fornito supporto materiale alle cyber operazioni della stessa intelligence. In tutto nove tra entità e individui. Inoltre il ministero del Tesoro designerà due russi per l’uso di mezzi cibernetici che consentono di rubare fondi e informazioni personali. Mentre il dipartimento di Stato ha espulso come persone non grate 35 funzionari russi operanti negli Usa che ”hanno agito in modo incoerente con il loro status diplomatico o consolare”, probabilmente per essere stati coinvolti in attività di spionaggio sotto copertura diplomatica, dato che il comunicato della Casa Bianca parla di ”operativi dell’intelligence russa”. Hanno 72 ore di tempo per lasciare gli Usa, insieme ai loro famigliari.

Chiusi anche due complessi ricreativi di proprietà del governo russo a New York e in Maryland, usati per scopi di spionaggio. Infine, il dipartimento dell’ Homeland Security e l’Fbi stanno rilasciando informazioni tecniche declassificate sulle attività informatiche dell’ intelligence militare e civile russa per consentire di individuarle e stroncarle negli Usa e all’estero.

Immediata la reazione di Mosca: il Cremlino promette “misure di ritorsione”, il ministero degli Esteri ammonisce che le nuove sanzioni sono controproduttive e danneggeranno la ripresa delle relazioni bilaterali. Ma Obama avvisa che non finisce qui, promettendo che gli Usa ”continueranno a prendere una serie di azioni a tempo debito, alcune delle quali non pubblicizzate”, contro la Russia e che la sua amministrazione fornirà nei prossimi giorni al Congresso un rapporto sulle interferenza di Mosca nelle elezioni.

”Tutti gli americani dovrebbero essere allarmati dalle azioni russe”, ha spiegato il presidente, evocando anche le persecuzioni subite dai diplomatici americani in Russia e definendo le varie decisioni prese oggi come una ”risposta necessaria e appropriata agli sforzi di danneggiare gli interessi Usa”. Dopo l’astensione Usa all’Onu sui nuovi insediamenti israeliani a Gerusalemme est, questa mossa di Obama è il nuovo bastone tra le ruote che il presidente uscente tenta di mettere al suo erede, nonostante le reciproche attestazioni di cordiale cooperazione per una transizione efficace, come nella telefonata di ieri sera.

Il tycoon aveva provato a frenare sull’ipotesi delle sanzioni, anche se non in modo frontale come aveva fatto nella vicenda Onu/Israele: ”Penso dovremmo andare avanti con le nostre vite”, aveva risposto ieri sera ai cronisti nella sua residenza di Palm Beach, in Florida. ”Credo che i computer ci abbiano complicato enormemente la vita. L’era dei computer ci ha portato al punto in cui nessuno è più in grado di dire davvero cosa stia succedendo”, aveva sfumato, rilanciando le sue perplessità sulle conclusioni dell’intelligence americana. Ma questa volta dovrà fare i conti con un Congresso dove anche gran parte del suo partito è favorevole a punire Mosca.

La mossa di Obama mette Trump nella posizione di dover decidere se revocare le misure una volta insediatosi alla Casa Bianca e potrebbe creare difficoltà ai suoi ministri designati durante le audizioni di conferma al Senato, dove il sostegno alle sanzioni contro la Russia è forte. Obama aveva già spiegato di non essere voluto intervenire prima per non essere accusato di usare politicamente l’intelligence in una competizione elettorale dove tra l’altro si era schierato apertamente con la candidata democratica. Ma la sua risposta, pur se inevitabile, appare tardiva e non esente da rischi, come quello di accendere una guerra cibernetica, anche perché il Cremlino finora ha sempre negato ogni coinvolgimento. E tra i due paesi i più vulnerabili sono gli Usa, dove quasi tutto dipende dalla rete informatica.

To Top