Blitz quotidiano
powered by aruba

Palestina sparita: su Google Maps solo Israele

La Palestina è sparita da Google Maps: sulle mappe del più famoso motore di ricerca c’è solo Israele. Il Forum dei giornalisti palestinesi ha pubblicato una protesta contro Google “per aver cancellato dalle sua carte geografiche il nome della Palestina e per averlo rimpiazzato con quello di Israele”. Lo riferisce il sito web “Memo”, che monitora le notizie sul Medio Oriente.

Secondo il Forum questo sviluppo, avvenuto il 25 luglio, “rientra nei piani di Israele di fissare il proprio nome come Stato legittimo nelle generazioni a venire ed abolire per sempre quello della Palestina”. Si tratta, secondo i giornalisti palestinesi, di una “falsificazione della storia, della geografia e del diritto dei palestinesi alla propria terra”. Una petizione di sostegno ha già raccolto 136 mila firme.

Nelle carte di Google i territori nazionali di Israele, Giordania, Libano ed Egitto sono presentati in maniera evidente, mentre la Cisgiordania e Gaza restano senza una chiara attribuzione. Sulla Palestina Google si limita a riportare una informativa di Wikipedia. Alcuni mezzi stampa si sono già rivolti a Google ma finora non hanno ricevuto delucidazioni.