Blitz quotidiano
powered by aruba

Portland, scontri a protesta anti Trump: proiettili di gomma, spray, 29 arresti FOTO VIDEO

PORTLAND – Proiettili di gomma, cariche della polizia, arresti a raffica. Va in scena il secondo giorno di proteste negli Stati Uniti per l’elezione di Donald Trump. Questa volta l’epicentro è a Portland, in Oregon. Ma proteste sono in corso, anche se in modo per ora meno violento, anche in altre zone degli States da est a ovest, da Washington a Los Angeles, passando per New York e Philadelphia.

E Trump, diventato presidente con 59milioni e spicci di voti (qualche decina di migliaia in meno della Clinton ma non conta nulla) se la prende con i media accusandoli di aver “orchestrato e incitato il dissenso”.

Da Portland, nella mattinata (italiana) dell’undici novembre, arrivano notizie inquietanti. Sarebbero già 29 i manifestanti arrestati, secondo quanto riporta l’account Twitter della polizia locale. Ma è la tensione ad essere altissima: la polizia, per provare a disperdere i manifestanti, avrebbe sparato proiettili di gomma e spray urticanti al peperoncino.

Colpisce, a vederla da migliaia di chilometri di distanza, la veemenza di questa protesta. Trump, piaccia o no, ha vinto delle elezioni democratiche. Elezioni in cui in tanti hanno scelto di non votare. E tanti di quei manifestanti che oggi si beccano proiettili di gomma dalla polizia di Portland, hanno liberamente scelto di non votare. Magari perché giudicavano la Clinton “uguale o quasi a Trump”.

Così su Twitter Trump mostra il suo disappunto per quanto sta accadendo in tante aree degli Usa. Lo fa parlando di “professionisti della protesta incitati dai media”:

Immagine 1 di 5
  • Portland, scontri a protesta anti Trump: proiettili di gomma, spray, 29 arresti FOTO VIDEO 5
  • Portland, scontri a protesta anti Trump: proiettili di gomma, spray, 29 arresti
Immagine 1 di 5