Politica Mondo

Russiagate, Donald Trump: “Sono indagato. E’ caccia alle streghe”

Russiagate, Donald Trump: "Sono indagato. E' caccia alle streghe"

Russiagate, Donald Trump: “Sono indagato. E’ caccia alle streghe”

NEW YORK – Donald Trump ammette di essere indagato e accusa l’Fbi di aver messo su una caccia alle streghe. A confermare l’indagine nei suoi confronti legata al Russiagate è proprio il presidente, che attaccando il procuratore speciale dell’Fbi Robert Mueller, su Twitter scrive:

“Sono indagato per aver licenziato il direttore dell’Fbi dall’uomo che mi ha detto di licenziare il direttore dell’Fbi. Caccia alle streghe!”.

Parlando del Russiagate che lo vede coinvolti, Donald Trump ha scelto Twitter per spiegare che dopo sette mesi di indagini sul suo conto nessuno ha trovato alcuna prova:

“Dopo sette mesi di indagini e audizioni parlamentari sulle ‘mie collusioni con i russi’, nessuno e’ stato in grado di mostrare alcuna prova. Triste!”.

L’attacco del presidente degli Stati Uniti era iniziato già con un tweeti contro Hillay Clinton:

“Perché non si è guardato agli accordi della sua famiglia e dei democratici con la Russia ma ai miei non-accordi sì?”.

In un successivo tweet il presidente americano insiste, chiamando Hillary Clinton ‘crooked”, corrotta, come in campagna elettorale :

“Ha distrutto telefoni col martello, cancellato email e suo marito ha incontrato il ministro della giustizia giorni prima che lei fosse assolta. E parlano di ostruzione?”.

Che un presidente si affidi a Twitter per dichiarazioni ufficiali ormai non sorprende più, soprattutto se si parla di Trump, che sui social ha ribadito:

“I Fake media non sopportano quando uso quello che si è rivelato il mio potente social media, con oltre 100 milioni di persone. E così posso aggirarli”.

To Top