Politica Mondo

Siria, Assad “usa i forni crematori e fa esecuzioni di massa”. Accusa dagli Usa

Una delle immagini diffuse dal Dipartimento di Stato che mostra a destra la costruzione adibita a forno crematorio

Siria, Assad “usa i forni crematori e fa esecuzioni di massa”. Accusa dagli Usa

NEW YORK – Il governo della Siria, ha affermato in conferenza stampa Stuart Jones, assistente del segretario di Stato americano per il medio e vicino Oriente, “sta procedendo a esecuzioni di massa di migliaia prigionieri nel carcere militare di Saydnaya, a 30 chilometri da Damasco”. Le impiccagioni, accusa il diplomatico statunitense, “avvengono a un ritmo di una cinquantina al giorno”. Per cancellare le prove dello sterminio, “all’interno dell’istituto di pena un edificio è stato modificato per essere adibito a crematorio”.

E poi sono state mostrate alcune foto come prova.

Le foto sono state scattate da satelliti commerciali e coprono un periodo che va dal 2013 ad oggi, passando dall’agosto di quattro anni fa al gennaio del 2015, quindi all’aprile del 2016 e 2017. Non provano in modo assoluto, ha precisato Jones, che l’edificio inquadrato sia un crematorio, ma evidenziano una costruzione “coerente” con quel genere di utilizzo.

“Dato che le numerose atrocità perpetrate dal regime siriano sono state abbondantemente documentate, riteniamo che la costruzione di un crematorio sia il tentativo di nascondere le esecuzioni di massa nella prigione di Saydnaya. E fonti credibili hanno riferito che molti dei corpi sono stati sotterrati in fosse comuni” ha spiegato Stuart Jones. Che ha quindi accusato Assad di “sprofondare in un nuovo livello di depravazione. Col sostegno di Russia e Iran”.

To Top