Blitz quotidiano
powered by aruba

Statue coperte, spunta relazione: “Ordine da Iran”

E' quanto risulta da una relazione segreta sulle statue censurate fatta dal sovrintendente romani ai Beni culturali, Claudio Parisi Persicce, al commissario della capitale Francesco Paolo Tronca

ROMA – Statue coperte per la visita di Hassan Rouhani in Italia, fu per ordine dell’Iran. A scriverlo è il quotidiano la Repubblica, che cita una relazione segreta sulle statue censurate fatta dal sovrintendente romani ai Beni culturali, Claudio Parisi Persicce, al commissario della capitale Francesco Paolo Tronca. 

Da quella relazione si scopre che fu la delegazione iraniana a chiedere ai capi del cerimoniale di Roma (compresa quella Ilva Sapora finita nell’occhio del ciclone) di oscurare le tà dei marmi dei Musei Capitolini nell’unico percorso giudicato sicuro per il duo Matteo Renzi-Hassan Rouhani:

Spiega la Repubblica:

“Scorrendo la relazione Presicce, la catena di comando è ben ricostruita. A cominciare dai 4 sopralluoghi condotti in gran segreto nelle settimane precedenti al 25 gennaio (data della conferenza stampa congiunta nella Sala dell’Esedra) da altrettanti protagonisti: il capo del Cerimoniale italiano, Ilva Sapora; il capo della delegazione iraniana; il capo del cerimoniale comunale Francesco Piazza e il sovrintendente capitolino. Ebbene: è durante quei sopralluoghi che matura la “scelta incomprensibile”, per dirla col ministro Franceschini. Dopo aver scartato un paio di percorsi, ritenuti inadeguati dai servizi di sicurezza, un solo itinerario viene approvato: Rouhani, con corposo seguito, accederà ai Musei dall’ingresso su piazza del Campidoglio, salirà la rampa dello scalone monumentale, passerà per la galleria dei Fasti Moderni, attraverso il portico del Vignola entrerà nella Sala degli Horti Lamiani per approdare proprio sotto la statua equestre del Marco Aurelio. Il problema, però, è che l’intero tragitto è disseminato di statue, subito giudicate imbarazzanti dagli “ambasciatori” persiani. La richiesta ai colleghi italiani è perentoria: rimediare, oscurare, coprire.

La Sapora avvia una mini- istruttoria e infine dice ok, si può fare. Il padrone di casa, il sovrintendente Presicce, abbozza. Mettendo nero su bianco che in sostanza ha solo assistito a decisioni prese da altri. Tra l’altro sempre insieme al capo del cerimoniale capitolino, quel Francesco Piazza riassunto dal commissario Tronca nel suo staff, dopo la caduta del sindaco Marino.

Il dado è tratto. Le statue verranno circondate da pannelli bianchi, che per tutto il weekend riposano nei magazzini. (…) Sin qui la ricostruzione ufficiale. Che però non deve aver convinto Tronca. Il quale decide di avocare a sé la delega alla Cultura. Mettendo, nei fatti, sotto tutela il suo sovrintendente”.

Le statue coperte in Campidoglio (foto Ansa).

Immagine 1 di 7
  • Statue senza veli coperte in Campidoglio: c'è Rohani7Statue coperte ai Musei Capitoli in occasione della visita del presidente iraniano Hassan Rohani, Roma, 25 gennaio 2016. ANSA/GIUSEPPE LAMI
  • Statue coperte ai Musei Capitoli in occasione della visita del presidente iraniano Hassan Rohani, Roma, 25 gennaio 2016. ANSA/GIUSEPPE LAMI
Immagine 1 di 7

 


PER SAPERNE DI PIU'