Politica Mondo

Trump: l’ex navy seal Robert Harward per il dopo Flynn alla Sicurezza nazionale

Trump: l'ex navy seal Robert Harward per il dopo Flynn alla Sicurezza nazionale

ROMA – Trump: l’ex navy seal Robert Harward per il dopo Flynn alla Sicurezza nazionale. Robert Harward è la prima scelta del presidente americano Donald Trump per sostituire Mike Flynn a consigliere per la Sicurezza nazionale. La Casa Bianca conferma che Harward è all’esame. Ex Navy Seals, Harward ha 60 anni ed è molto vicino a Jim Mattis, il segretario alla Difesa: i due hanno lavorato insieme in Afghanistan dopo gli attacchi dell’11 settembre e successivamente al Central Command fra il 2011 e il 2013, inclusa una missione per la gestione dei detenuti a Kabul.

Nella sua carriera Harward è stato anche membro del Consiglio nazionale per la sicurezza del presidente George W. Bush, con la responsabilità per l’antiterrorismo. Al momento Harward è uno dei top manager di Lockheed Martin, con la supervisione delle attività con gli Emirati Arabi Uniti. Non è ancora chiaro se Harward sia disposto a lasciare il suo incarico e Abu Dhabi, dove abita, per entrare alla Casa Bianca.

Secondo indiscrezioni riportate dalla stampa americana, Harward difficilmente sarebbe disposto ad accettare l’incarico senza forti rassicurazioni da parte di Trump e del suo staff sulla sua autonomia a offrire consigli di sani principi. Nato negli Stati Uniti ma cresciuto nella Teheran pre rivoluzionaria, Harward era rinomato in Afghanistan per rivolgersi alle sue controparti in farsi, lingua molto simile al loro nativo dari.

Addestrato come ufficiale per le Operazioni speciali, Harward è anche conosciuto per la sua ossessione per l’attività fisica e l’essere in forma: come responsabile delle operazioni per i detenuti in Afghanistan – ricorda il New York Times – era salito agli onori delle cronache per le sue passeggiate settimanali sulle montagne, durante le quali umiliava i colleghi 20 anni più giovani, distrutti fino al punto di vomitare pur di tenere il suo passo. Per Trump, secondo cui l’aspetto fisico è parte determinante nella scelta dei candidati, un valore aggiunto.

To Top