Politica Mondo

Trump ritira la riforma per abolire l’Obamacare: “Non abbiamo i voti”

donald-trump-2
Donald Trump (foto Ansa)

Donald Trump (foto Ansa)

NEW YORK – I repubblicani, senza i numeri necessari, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l’Obamacare. Per rimpiazzare l’Obamacare il presidente Trump “ha fatto il possibile: nulla è stato lasciato intentato ma non si può forzare il voto. Non è una dittatura”, ha detto il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer incontrando la stampa. E’ stato lo stesso Trump a chiedere di ritirare il disegno di legge. Il voto previsto alla Camera è stato quindi annullato.

“Ora avanti sulle tasse. E quando l’Obamacare esploderà allora forse i democratici apriranno su un accordo”. Cosi’ – parlando col Washington Post e il New York Times – il presidente americano Donald Trump ha commenta a caldo la decisione di cancellare il voto sulla riforma sanitaria.

Il voto era previsto per le 15,30 locali (le 20,30 in Italia). Invece, a sorpresa, il partito repubblicano si è ritirato in una riunione di emergenza proprio mentre era atteso il voto. Sulla nuova legge sulla sanità si gioca la faccia lo speaker della Camera Paul Ryan, che ha sostenuto il testo al punto da fargli prendere il suo nome, Ryancar.

“Oggi è un giorno deludente per noi. Aabbiamo deluso le aspettative” ha ammesso lo speaker della Camera Paul Ryan in una conferenza stampa dopo il ritiro della riforma sanitaria repubblicana. “Vivremo con l’Obamacare per l’immediato futuro”.

To Top