Blitz quotidiano
powered by aruba

Viagra nell’ufficio del presidente, scandalo in Corea del Sud. Serviva a…

SEUL – Negli uffici della presidente del Sud Corea, Park Geun-hye, sono stati trovati notevoli quantitativi di Viagra, ma l’ufficio presidenziale difende l’acquisto: le 364 pillole blu, afferma, erano per affrontare il mal di montagna, durante un viaggio ufficiale in Africa della presidente.

L’ufficio presidenziale, insiste sul fatto che non erano destinate a risolvere le disfunzioni erettili di nessuna persona.  La notizia dell’acquisto è stata confermata da Jung Youn-kuk, portavoce di Park Geun-hye la presidente di cui chiedono le dimissioni a furor di popolo a seguito dello scandalo in cui è coinvolta la confidente Choi Soon-sil a cui avrebbe permesso di influenzare le sue decisioni politiche e messo sotto pressione le grandi imprese, per ottenere fondi da dare alle fondazioni istituite per sostenere la sua politica.

La parola Viagra, in seguito alla notizia riferita da un membro del partito democratico dell’opposizione, è la più cercata dai sudcoreani sui principali notiziari online.

La pillola blu normalmente è associata alle disfunzioni erettili ma sembra sia utile nel trattamento di edema polmonare d’alta quota o mal di montagna.

Secondo il deputato Pd, Kim Sang-hee, la Blue House (Casa Blu) residenza presidenziale, nel mese di dicembre avrebbe acquistato 364 pillole, tra cui 60 di Viagra e le restanti in versione generica del farmaco.

Jung ha affermato che le pillole sono state acquistate per affrontare il mal di montagna dello staff per il viaggio in Etiopia, Kenya e Uganda. “Le abbiamo comprata, ma non state utilizzate”, ha riferito alla stampa.

Kim Sang-hee ha detto che i dati di servizio di revisione dell’assicurazione sanitaria pubblica del paese, mostrano che l’ufficio presidenziale di Park Geun-hye, ha acquistato delle iniezioni, molto utilizzate nel trattattamenti cosmetici e anti-age.

La Blue House ha replicato che l’acquisto delle iniezioni è stato consigliato dal personale medico, per tutelare la salute dei dipendenti dell’ufficio.