Rassegna Stampa

Africa, popolazione raddoppiata entro il 2030. “La bomba a orologeria per l’Europa”

Africa, popolazione raddoppiata entro il 2030. "La bomba a orologeria per l'Europa"

Africa, popolazione raddoppiata entro il 2030. “La bomba a orologeria per l’Europa” (Foto Ansa)

ROMA – Tra trent’anni la popolazione africana sarà raddoppiata, se il ritmo di natalità non rallenta. E per l’Europa questo sviluppo demografico potrebbe rivelarsi una “bomba”, secondo quanto scrive Raffaello Binelli sul Giornale. 

I dati dicono che nella classifica mondiale dei Paesi che fanno più figli i primi quindici sono tutti africani: si va dai 7,6 figli per coppia del Niger, ai 6,5 della Somalia, fino ai 5,7 della Nigeria (decima in graduatoria). Di questo paso, tra trent’anni l’Africa avrà 2,5 miliardi di abitanti.

Solo che, sottolinea Binelli,

San raffaele

 

se accanto all’esplosione demografica non corrisponde una crescita economica e sociale, chi ne fa e ne farà sempre di più le conseguenze è il Vecchio Continente. Nessuno pretende di attuare politiche restrittive “cinesi”, con l’obbligo del figlio unico o simili regole aberranti. Però non si può fare finta di nulla rispetto ad una crescita esponenziale che, se non affrontata, potrebbe causare enormi problemi.

Binelli cita i dati delle Nazioni Unite, secondo cui alla fine di questo secolo la metà della popolazione mondale sotto i 14 anni sarà africana.

Questi dati, uniti ai problemi legati alla siccità, porteranno masse sempre più importanti di persone a spostarsi alla ricerca di cibo e migliori condizioni di vita. Accanto ai problemi demografici ci sono anche i problemi economici. Il pil africano, infatti, cresce troppo poco. La crescita del 2016 è intorno all’1,4% (la metà del tasso di crescita della popolazione). Si spera in almeno un 2,6% nel 2017, ma sarebbe comunque troppo poco, visto e considerato che cinque anni fa eravamo al doppio.

 

 

To Top