Blitz quotidiano
powered by aruba

Camorra, boss si ispirano a Isis: barba e tattoo frasi islam

NAPOLI – Lunghe e folte barbe minacciose, tatuaggi con frasi del profeta dell’Islam Maometto. I giovani boss della Camorra fanno di tutto per assomigliare ai jihadisti dell’Isis e la tendenza sembra aumentare a Napoli. Un look che sarebbe scelto come simbolo della loro ferocia, una sorta di “fondamentalismo criminale” che vorrebbe manifestare nell’aspetto anche la sete di sangue.

Vicenzo Marino per Vice Italia scrive che i nuovi e giovani boss della camorra si distinguono come i “Barbuti” nel rione Sanità e subiscono il fascino dello Stato Islamico:

 

“Atrocità, spedizioni punitive, barbe lunghe, frasi con riferimenti alla figura di Maometto – come “Sono l’ultimo prescelto” – sarebbero per molti le prove dell’esistenza di atteggiamenti vicini alla cultura jihadista, vista probabilmente come ‘ideale’ di violenza ed efferatezza. Si tratta di un’inclinazione che non si limiterebbe al gruppo della Sanità, ma che sarebbe uno dei tratti comuni a giovani boss e affiliati, tanto da essere stata stata attribuita anche a Emanuele Sibillo – il boss quasi ventenne della cosiddetta ‘Paranza dei bambini’ di Forcella ucciso con un colpo alla schiena nel luglio scorso – per via della barba che avrebbe ispirato anche travestimenti di Carnevale.

“Nel loro immaginario il massimo della ferocia e della mancanza di paura è lo Stato Islamico,” spiegava qualche tempo fa a VICE News Vincenzo Morgese della Comunità Jonathan di Scisciano (Napoli). “Dal punto di vista semantico, è uno dei simboli della lotta contro lo Stato, contro tutto quello che rappresenta l’istituzione, e contro le altretribù”. Per capire se questa presunta attrazione per lo Stato Islamico esiste davvero, quali sono i suoi meccanismi e da dove nasce, abbiamo contattato il professore dell’Università di Salerno Marcello Ravveduto, autore di libri come “Napoli… Serenata calibro 9. Storia e immagini della camorra tra cinema sceneggiata e neomelodici” e componente del Comitato Scientifico della Biblioteca digitale sulla Camorra.

VICE News: Esiste davvero qualcosa di effettivamente avvicinabile allo Stato Islamico, nell’immaginario delle nuove leve di camorra — che siano le barbe lunghe, i tatuaggi in arabo, o le dinamiche di gruppo? Oppure è un’affermazione che non possiamo confermare?

Marcello Ravveduto: Nel linguaggio giovanile del napoletano – così come nell’hinterland e nella regione – farsi crescere la barba ha sempre comportato, nel gioco linguistico dei ragazzi, frasi del tipo “Che fai, il mullah? Il mujaheddin?” In qualche modo, loro stanno probabilmente elaborando un’identità comunicativa collettiva, esaltata da un fondamentalismo di fondo — che esiste, nel loro modo di agire. Questi due elementi – il simbolo e la prassi – si fondono, formando una nuova identità che viene rappresentata pubblicamente, che serve a riconoscersi fra loro, e ad essere allo stesso tempo differenti rispetto agli altri clan. Era come quando, durante la guerra di Scampia, gli Scissionisti si facevano chiamare “Gli Spagnoli” pur non essendolo: avevano sì legami con la Spagna, ma era solo un modo per costruirsi un identità differente nel marasma delle decine di clan napoletani. In sostanza, dinamiche del genere servono ad essere comunicativamente efficaci: è una caratteristica della camorra, che è molto sensibile alla comunicazione pubblica del proprio essere.

Perché proprio lo Stato Islamico?

Un elemento tipico dei clan camorristici è loro capacita di interpretare le mode comunicative del momento. In questo senso, non sappiamo se questa tendenza è una cosa che permarrà nel tempo o se rischia di restare legata a questo momento storico. La camorra metropolitana poi ha mille identità: si va da tendenze fondamentaliste a quelle più ‘organizzate’. Stare dentro o fuori queste dinamiche di clan – o di riconoscimento di identità criminale – è qualcosa che viene determinato dal concetto di ‘tradimento’ nei confronti del gruppo, e dal valore che si attribuisce nei confronti di chi difende gli altri da questa onta. Tutto questo spinge alla creazione di segni di riconoscimento evidenti e visibili, e ammanta la struttura di un potere parareligioso: concetti come quello dell’onore sono riscontrabili sia in altri scenari criminali, sia nella struttura portante delle costruzioni religiose e parareligiose.

In che senso i clan di camorra hanno tratti avvicinabili alle dinamiche fondamentalistiche?

Il fatto che sempre più l’appartenenza mafiosa è avvicinabile a una forma di fondamentalismo criminale è qualcosa che – in sede psicologica e sociologica – è riscontrabile e sempre più evidente. Se fosse effettivamente così, il tema non sarebbe tanto “essere come lo Stato Islamico” o avere questa vocazione, ma quello di trovare un’unicità, un rafforzamento del proprio ruolo – individuale e collettivo – all’interno di un mondo criminale che ti dà l’essenza di un luogo. Dentro Cosa Nostra, per esempio, si è sempre detto che si è mafiosi per “non essere il nulla mischiato con il niente,” per dare un senso alla propria capacità sociale di imporre la una visione del mondo — non soltanto con la violenza ma anche con la capacità di stare nel contesto sociale e conquistare consenso. In questo aspetto, la camorra è sempre stata differente da cosa nostra e ‘ndrangheta: da qui potrebbe derivare l’esigenza per le le nuove leve di perseguire elementi di identità, che può passare attraverso una forma di pensiero fondamentalista”.

Per leggere l’intervista integrale sul sito di Vice Italia clicca qui.

Immagine 1 di 10
  • Cannibale Isis ucciso: mangiava il cuore dei nemiciCannibale Isis ucciso: mangiava il cuore dei nemici
  • Isis. Ex moglie al-Baghdadi: "Meglio vivere in Occidente"
  • Bulldozer carnefice Isis, svelato il suo volto
  • Isis dalla Libia minaccia cristiani ed ebrei: "Verremo..."
  • Ajahn Veapi, macedone filo Isis con sussidio Regione Friuli
Immagine 1 di 10

PER SAPERNE DI PIU'