Blitz quotidiano
powered by aruba

Eva Klotz anti-italiana, da Italia prende vitalizio 946mila€

"Il Sud Tirolo non è Italia": questo, per più di 50 anni, lo slogan politico di Eva Klotz, la politica altoatesina che chiede il distacco della provincia di Bolzano da Roma

BOLZANO – Eva Klotz, la politica altoatesina che aveva lanciato il referendum per l‘indipendenza dall’Italia, riceverà dall’Italia tanto detestata 946mila euro di pensione, come racconta Claudio Del Frate sul Corriere della Sera: 

«Il Sud Tirolo non è Italia»: questa frase è stata per oltre 50 anni lo slogan politico di Eva Klotz, la «pasionaria» altoatesina che chiede il distacco della provincia di Bolzano da Roma. Ma lo Stato italiano ha pochi giorni fa omaggiato Eva Klotz di un «bonus» di ben 946.175 euro, pari alla pensione maturata per la sua attività di consigliere provinciale e regionale del Trentino Alto Adige. La cifra è frutto del calcolo della pensione da politico alla luce della nuova legge votata dalla regione autonomista e che taglia del 20% circa un precedente vitalizio; che la consigliera autonomista e altri suoi colleghi si erano impegnati a restituire in seguito a una feroce polemica esplosa a proposito dei privilegi per chi sedeva nell’assemblea regionale di Trento. (…)

Il Trentino Alto Adige ha da anni maturato un regime pensionistico per i suoi politici di manica, per così dire, larga. Fino al 2014 la legge consentiva a consiglieri regionali e provinciali (a Trento e Bolzano le due cariche coincidono) di incassare la pensione non mensilmente ma in un colpo solo l’intera spettanza, calcolando la cifra sull’aspettativa di vita. Solo che su questa aspettativa era in precedenza piuttosto «abbondante» dando luogo a liquidazioni che in alcuni casi avevano superato il milione di euro.

Nel 2014 era esploso lo scandalo delle «pensioni d’oro» del Trentino, era stata avviata anche un’inchiesta della procura che aveva indotto l’assemblea regionale a rivedere i calcoli. (…)

Alcuni politici, tra questi la Klotz, avevano accettato di restituire la somma, in attesa di maturare nuovamente i diritti alla pensione alla luce di una nuova legge regionale nel frattempo varata”.

La nuova legge ha stabilito un taglio del trattamento pensionistico, ma ha mantenuto la possibilità per i politici di incassare quanto maturato mensilmente o tutto in una volta sola. Ed Eva Klotz 

“è tra coloro che hanno tagliato il traguardo della quiescenza nelle scorse settimane e ha optato per il «tutto in una volta sola». Calcoli alla mano per lei la cifra è stata di 946mila euro e spiccioli”.

 

 

 


PER SAPERNE DI PIU'