Blitz quotidiano
powered by aruba

“Gotta go”, app per filarsela dagli impegni sgraditi

Dietro a Gotta Go ci sono dei professionisti, e si vede: le chiamate e i messaggi, infatti, si ricevono per davvero (anche se dall’altro capo c’è una voce registrata)

ROMA – Si chiama “Gotta go”, ovvero “devo andare”, la app che ti chiama al telefono (letteralmente) fornendoti così una scusa plausibile per lasciare appuntamenti o impegni insopportabili. La app per svignarsela, insomma. Non è una semplice suoneria a comando: messa a punto dalla comica americana Chelsea Handler in collaborazione con la compagnia Yeti ti recapita sms allarmanti. Tipo: qualcuno che ti dice che in casa è scattato l’allarme e serve il tuo intervento immediato per disattivarlo, oppure che si è smarrito il cane o il gatto di casa.

Da lì a salutare commensali o colleghi è un attimo. Scrive Chiara Severgnini su La Stampa:

La app – disponibile per iOS negli Stati Uniti – non è la prima a offrire un servizio simile: basta fare una ricerca sul market cercando “finta chiamata” o “simulatore di chiamata” per trovarne decine di molto simili. Ma Gotta Go ha qualcosa in più. Al di là dello sponsor celebre – la app è stata ideata da Handler per la puntata dedicata alla Silicon Valley della sua serie “Chelsea does” – la vera differenza sta nella programmazione. Dietro a Gotta Go ci sono dei professionisti, e si vede: le chiamate e i messaggi, infatti, si ricevono per davvero (anche se dall’altro capo c’è una voce registrata).

«In questo momento abbiamo una delle bollette del telefono più care di tutti gli Stati Uniti per via delle telefonate e degli sms di Gotta Go», ha scherzato il presidente di Yeti Tony Scherba in un’intervista per TechCrunch. Non c’è da stupirsi: al suo debutto, complice anche la messa in onda dell’episodio ad essa dedicato, Gotta Go è stata la 14esima app più scaricata nella sezione Lifestyle dello Store americano. Cattive notizie per chi sta già pensando di scaricarla in vista del prossimo meeting: per il momento la app funziona a pieno regime solamente negli Stati Uniti. E

ancora non è chiaro quanto Yeti intenda investire nel progetto: Gotta Go è gratuita e non ha pubblicità, quindi per il momento, per gli sviluppatori, è un affare solo in termini di visibilità. A poche settimane dal lancio, è difficile stabilire se la app sia destinata a durare o se verrà presto dimenticata. Per ora, commenta Scherba, «è solo un esperimento». Se sentite il bisogno di un biglietto per uscire gratis dalla prossima cena aziendale, quindi, non vi resta che sperare che Gotta Go diventi presto un vero must.


TAG: ,