Rassegna Stampa

Intero campo rom allacciato abusivamente alla rete elettrica

Intero campo rom allacciato abusivamente alla rete elettrica

Intero campo rom allacciato abusivamente alla rete elettrica

TREVISO – Un campo rom con otto “abitazioni” e 12 abitanti in totale allacciato abusivamente alla rete elettrica pubblica. E’ stato scoperto a Treviso dai carabinieri. I militari hanno così scoperto come i nomadi riuscivano a illuminare tutto il campo pur avendo un regolare contatore ma con consumi minimi. Un “trucco” che è costato alle casse pubbliche, e quindi ai cittadini che invece tasse e bollette le pagano, migliaia di euro. Ecco cosa è successo secondo quanto racconta questo articolo de Il Gazzettino:

Un intero “villaggio” era abusivamente attaccato alla corrente elettrica. Lo hanno scoperto i Carabinieri di Castelfranco Veneto che hanno arrestato un 63enne e denunciato altre 12 persone, tutte residenti in un campo rom di Treviso, per furto aggravato e continuato di energia elettrica. In particolare, nel corso di una perquisizione i militari si sono accorti che le otto abitazioni presenti e la pompa del pozzo erano allacciate abusivamente alla rete elettrica dell’illuminazione pubblica, mentre, per non destare sospetti, era stato fatto installare un regolare contatore al quale però era collegata un’unica lampadina da 15 watt che illuminava l’ingresso del campo con un consumo irrisorio. Il gestore elettrico ha quantificato il danno in diverse migliaia di euro.

To Top