Blitz quotidiano
powered by aruba

Isis, Libero: “Anche l’Italia ha addestrato jihadisti”

ROMA – Isis, Libero: “Anche l’Italia ha addestrato jihadisti”. In un lungo articolo di Franco Bechis su Libero si legge che fra gli 86 dirigenti, capi reparto e responsabili di zona dell’Aise rimossi e spostati ad altro incarico nel maxi-ribaltone firmato dal direttore del servizio segreto militare italiano, Alberto Manenti, ci sono anche due uomini chiave che gestivano uno la crisi siriana e l’altro quella libica. Il primo ha pagato, oltre alla gestione delle trattative per la liberazione di Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, anche un’altra clamorosa operazione di intelligence, che era stata avviata addirittura alla fine del governo di Mario Monti.

Si tratta , secondo Bechis, dell’addestramento di miliziani siriani in due campi uno al confine con la Giordania e l’altro al confine con la Turchia. Agenti segreti italiani hanno infatti dall’inizio del 2013 fornito informazioni militari, addestrato alla guerriglia e istruito sulle informazioni di intelligence in quel momento a disposizione decine di miliziani quasi tutti nativi siriani, e alcuni iracheni.

Franco Bechis quindi scrive:

I campi addestramento, che erano noti anche alle principali forze di intelligence internazionali (comprese ovviamente quelle turche e quelle giordane), vedevano alternarsi gruppi di sei istruttori per campo ogni tre mesi. Ma l’operazione è finita malissimo: praticamente tutti gli addestrati sono divenuti combattenti dell’Isis nei mesi successivi o sono stati arruolati da organizzazioni terroristiche locali, come la stessa Al Nusra che avrebbe poi gestito il rapimento di Greta e Vanessa.

All’ Isis e alle altre organizzazioni terroristiche fiancheggiatrici sono passate così anche importanti informazioni di intelligence detenute dalla coalizione internazionale dei volonterosi che li combatteva. L’ incidente ha provocato non solo le immediate proteste delle altre intelligence, ma anche più di una segnalazione diplomatica che ha mandato su tutte le furie il presidente del Consiglio, Matteo Renzi.


TAG: