Blitz quotidiano
powered by aruba

Letto, lascialo sfatto: sarà più sano…

ROMA – Se lasci il letto sfatto sarà decisamente più sano. A spiegare l’importanza di lasciare il letto sfatto, lavare le lenzuola al massimo ogni 2 settimane e preferire i tessuti naturali, come cotone e lino, è il microbiologo Philip Tierno, microbiologo e patologo alla New York University School of Medicine.

Tierno, scrive Paola Arosio sul Corriere della Sera, spiega che nel letto si annidano funghi, batteri, pollini, sudore e secrezioni, ma anche polvere e acari che possono causare allergie e attacchi di asma. Per questo motivo è molto importante seguire alcuni accorgimenti:

“Del resto, l’elenco di ciò che, secondo il docente, si annida nel letto è davvero terribile: «Funghi, batteri, peli di animali, pollini, ma anche vari residui del corpo umano, come sudore, espettorato, secrezioni vaginali e anali, urina, cellule della pelle». E anche le quantità fanno spavento: è stato calcolato che un uomo di media corporatura può rilasciare nel letto fino a 100 litri di sudore all’anno e che i cuscini, di piuma o sintetici, possono contenere da 4 a 17 specie diverse di funghi. In più, ci sono i residui dei cibi che a volte capita di consumare nel letto, e di cosmetici, come ad esempio oli e creme per il corpo. Inoltre, «la gravità fa sì che le polveri contenute nell’atmosfera si depositino sulle lenzuola e vengano inalate per circa otto ore al giorno – quantifica Tierno -. Considerando che circa una persona su sei soffre di qualche forma allergica o di difficoltà respiratorie e che si trascorre in media circa un terzo della vita a letto, si comprende come lenzuola pulite siano indispensabili per il benessere».

Allarme acari
I letti sono anche il nido preferito degli acari, che qui trovano un ambiente umido, perfetto per la loro sopravvivenza. Ce ne possono essere 12 mila per ogni grammo di polvere e fino a un milione nel materasso. «Si tratta di piccoli insetti che possono aggravare l’asma, esacerbare o provocare allergie, come rinite e orticaria», spiega Tierno. Per tenerli lontani è importante scegliere lenzuola di tessuti naturali, come il cotone o il lino, che hanno il vantaggio di essere traspiranti, lavandole a una temperatura minima di 60 gradi. Inoltre, dopo il lavaggio, mai riporle nell’armadio ancora umide, per non creare un ambiente favorevole alla proliferazione di questi fastidiosi microrganismi. D’estate, lenzuola felpate, coperte, piumoni che non si utilizzano più andrebbero riposti in un sacco sottovuoto, da mettere poi in una borsa di colore scuro: la mancanza di aria e di luce è un ottimo modo per metterli ko.

Lasciare il letto sfatto
Un altro accorgimento contro gli acari (che piacerà ai più pigri e disordinati) arriva da uno studio dell’Università di Kingston, in Inghilterra: lasciare il letto sfatto, con lenzuola e coperte all’aria, tiene alla larga i parassiti della polvere. «Per gli acari le condizioni all’interno del letto sono migliori rispetto a quelle fuori – spiega il biologo Stephen Pretlove, autore dello studio e direttore del laboratorio di Scienza della tecnologia applicata agli ambienti dell’ateneo inglese -. Lasciando il letto in disordine, queste condizioni diventano rapidamente uguali a quelle del resto della stanza. Poiché questi parassiti possono sopravvivere solo ricavando l’acqua di cui hanno bisogno dall’ambiente, lasciare il letto sfatto durante il giorno elimina l’umidità dalle lenzuola e fa sì che gli acari si disidratino e, dopo un po’, muoiano». Con buona pace di chi, alla sera, si abbandona alle braccia di Morfeo, augurandosi un sonno salubre e ristoratore”.


PER SAPERNE DI PIU'