Blitz quotidiano
powered by aruba

Prete compra iPad rubato: lo restituisce ma chiede soldi…

ROMA – A marzo 2014 acquistò un’iPad rubato a un mercatino sull’Ostiense, a Roma. Poi però si era messo nei guai da solo: ha rintracciato la legittima proprietaria, pronto a restituirle il maltolto ma in cambio ha preteso i soldi sborsati per comprarlo, 150 euro. Così Don Andrea Perrotti, parroco della Basilica Maria Sopra Minerva era finito in manette per estorsione e ricettazione. Alla fine se l’è cavata con una condanna per acquisto incauto.

Ne parla Adelaide Pierucci sul quotidiano Il Mattino:

Il sacerdote sin dal primo momento aveva rivendicato la propria innocenza. Tanto che, quando i carabinieri erano giunti nella basilica per conto della vittima, con i soldi fotocopiati e pronti a far scattare le manette, non voleva sentire ragioni. «Io ho comprato l’iPad in un mercatino all’Ostiense e l’ho pagato 150 euro. E tot soldi rivoglio. Comunque sto facendo un favore alla proprietaria, no?»: così si era sfogato mentre un appuntato che si era finto amico della proprietaria dell’Ipad, un’universitaria napoletana, lo portava via in stato di arresto dal suo alloggio della Casa dei frati dominicani, accanto alla Basilica, a un passo dal Pantheon. Un alloggio che in un primo momento era stato posto sotto sequestro per ordine della procura, visto che la stanza era stracolma di articoli di telefonia e informatica, per di più datati e secondo i militari di dubbia provenienza. «Sono solo un collezionista» ha detto il sacerdote. E il processo gli ha dato ragione.

Il pm che aveva chiesto la convalida dell’arresto, invece, riteneva che gli estremi dell’estorsione ci fossero, perché chi trova o compra oggetti rubati deve avvertire 112 o 113 o restituirlo al proprietario senza chiedere soldi. Non a caso la versione del vicario della Basilica di Santa Maria Sopra Minerva, la chiesa che custodisce oltre al corpo di Santa Rita anche quelli del Beato Angelico e di una sfilza di papi, nella prima udienza del processo per direttissima non aveva convinto neanche i giudici. Anche se Padre Perrotti, dopo la convalida dell’arresto, era stato subito liberato. Il giudice Tiziana Gualtieri, infatti, aveva respinto la misura cautelare ai domiciliari chiesta dal pm onorario Olivia Mandolesi, perché era incensurato.

Era stato proprio don Andrea a mettersi in contatto con la ragazza, evitando però di presentarsi come un sacerdote. «Ho comprato un iPad a un mercatino, ritengo che sia tuo. Sono disposto a restituirlo, ma rivorrei i soldi spesi, 150 euro. Può accreditarmeli sulla postapay». La proprietaria dell’iPad, che in quel momento era a Grenoble, in Francia, ha chiamato i carabinieri: «Me lo hanno rubato in macchina, a Roma. Lo rivoglio e basta». La difesa di don Andrea ha parlato subito di «gigantesco equivoco. Il sacerdote voleva solo restituire l’Ipad. E quei telefonini accatastati non erano altro che vecchi esemplari che colleziona. Andare per mercatini mica è reato».


TAG: , , ,