Rassegna Stampa

Roma, Virginia Raggi scoraggia i volontari: si dovranno pagare l’assicurazione di tasca loro

Roma, Virginia Raggi scoraggia i volontari: si dovranno pagare l'assicurazione di tasca loro

Roma, Virginia Raggi scoraggia i volontari: si dovranno pagare l’assicurazione di tasca loro

ROMA – Chi desidera prendersi cura del verde capitolino, dovrà pagarsi di tasca propria l’assicurazione. Non una, ma ben due polizze, che coprano i danni alla propria persona e verso terzi. E’ quanto prevede un provvedimento, varato dal Comune di Roma prima della chiusura per ferie, che sembra studiato apposta per far passare la voglia al più altruista dei volontari.

Secondo le nuove regole del Campidoglio a guida M5s, per offrire i propri servigi gratuiti i volontari dovranno scaricare dal sito internet del Comune un modulo, stamparlo e compilarlo inserendo i nomi di chi interverrà, dove e quando, e con quali attrezzature. Poi farne una scansione, inviarlo a un indirizzo email che inizialmente non c’era, e attendere risposta.

Comitati di quartiere e associazioni no profit non hanno affatto gradito la svolta burocratica e protestano, a ragione: “Così si scoraggia il nostro lavoro”.

Come riporta Federico Capurso sul quotidiano la Stampa:

Tra le onlus più importanti ad essersi scagliata contro il Comune, c’è Retake. Da anni si occupa dei parchi e dei giardini raccogliendo immondizia da terra, togliendo le erbacce, riparando le panchine. Elena Viscusi, che siede nel consiglio direttivo di Retake, trova «scoraggiante la filosofia retrograda che si cela dietro questo provvedimento». «E pensare che le uniche linee guida approvate finora dal Comune dicevano di voler incentivare il volontariato», aggiunge con amarezza. Una situazione difficile, quindi, persino per un’associazione strutturata, che già per legge è obbligata ad avere una propria assicurazione. «Indicare tutti gli interventi che verranno fatti e i nominativi vuol dire non avere idea delle situazioni che troviamo nei parchi», dice Viscusi. Spesso, nel corso dei loro interventi, «ci sono passanti che si fermano a dare una mano. Certo, provvederemo a stipulare un’assicurazione anche per loro che ci costerà circa 1300 euro. Ma dovrebbe pagarla il Comune, non noi». Senza considerare «i pensionati o le piccole realtà di quartiere che difficilmente hanno idea di come stipulare un’assicurazione di questo tipo».

Piccole realtà come il comitato che si impegna a salvaguardare il parco di Centocelle. Nato perché «stanco di assistere ai continui roghi che si alzano la notte, tra i rifiuti abbandonati», racconta Simonetta, una delle partecipanti. Quest’anno abbiamo anche organizzato alcune manifestazioni per sensibilizzare il quartiere sul problema – aggiunge -, come quando abbiamo piantato degli alberi insieme a centinaia di altri romani. Adesso, però, temo che sarà molto difficile ripeterle».

Al Trullo, quartiere nato sotto il fascismo tra i lotti delle case popolari, c’è «la piccola Svizzera». Così è stato ribattezzato un circondario gestito interamente dagli inquilini, «con prati all’inglese, panchine, fioriere, tutto acquistato e curato da noi», racconta Mario D’Amico, che lì è nato e cresciuto. «L’Ater, che gestisce le case popolari per conto del Comune, interviene dopo mesi per qualunque disservizio». In pochi giorni è cambiato tutto. «Ci hanno comunicato che non possiamo più toccare nulla; che se ne occuperà una ditta esterna. Ho paura che rovineranno il nostro lavoro». Non solo. «Volevamo pulire Villa Flora e mi ero messo d’accordo con alcuni ragazzi. Ieri mi hanno chiamato e mi hanno detto che non si può più fare, perché serve l’assicurazione».

To Top