Blitz quotidiano
powered by aruba

“Salva Berlusconi”: è stata Antonella Manzione, vigilessa da Firenze a Palazzo Chigi?

Sarebbe stata Antonella Manzione, la vigilessa di Firenze che Matteo Renzi ha portato a Palazzo Chigi alla guida del legislativo, a inserire la norma salva Berlusconi nella delega fiscale. Franco Bechis su Libero ricostruisce il percorso della legge, dal ministero dell'Economia alla Presidenza del Consiglio. Enrico Zanetti, sottosegretario: nel nostro testo non c'era

ROMA – Li hanno sgamati subito: è scoppiato il finimondo per una norma salva Berlusconi contenuta nel decreto legislativo approvato dal Consiglio dei ministri il 24 dicembre 2014 sui rapporti tra fisco e contribuente è stata letta come il trucco che annullerebbe la condanna definitiva a 4 anni inflitta a Berlusconi per frode fiscale nel processo Mediaset e di tornare rieleggibile e in pista come candidato al Senato da cui era stato fatto decadere pochi mesi prima.

Matteo Renzi ha subito replicato:

“A me non risulta affatto che sia così. Non mi pare realistico che una nuova legge possa cancellare una condanna passata in giudicato”.

Franco Bechis, su Libero, spiega invece perché è possibile che, nelle pieghe di una norma nemmeno passata per il Parlamento, si celi il più bello e grande regalo di Natale per Berlusconi. Per gli italiani sarebbe invece una bella sorpresa da uovo di Pasqua. Secondo Franco Bechis, la norma

“in un colpo è in grado di cancellare la sentenza definitiva Mediaset e di mandare in soffitta anche la legge Severino. Non l’ha firmata Giorgio Napolitano, e non è nemmeno il corollario finale del patto del Nazareno, legato alla nomina del prossimo presidente della Repubblica. La grazia porta la firma di Antonella Manzione, l’ex vigilessa che Matteo Renzi si è portata alla guida del legislativo di palazzo Chigi”.

 

Il decreto attuativo della delega fiscale sulla certezza del diritto è passato alla spicciolata nella riunione del Consiglio dei Ministri della vigilia di Natale. L’attenzione di tutti era sul Jobs Acts, la delega fiscale è di sua natura materia ostica, pochi ci capiscono e poi era stata già trattata in raffiche di leaks e tweets. Invece poi è scoppiato l’inferno.

A fare il primo fuoco è stato il sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti (Scelta civica), secondo il quale, riferisce Franco Bechis,

 “la norma sulla non punibilità al di sotto del 3% di evasione o frode è stata inserita nel testo del decreto legislativo durante il passaggio a palazzo Chigi. Non esisteva, secondo quanto ha ricostruito Enrico Zanetti, nel testo originario partito dal inistero guidato da Pier Carlo Padoan. È stata una aggiunta che riveste un carattere politico ancora più che legislativo, e non può averlo fatto la Manzione senza un ok dello stesso Matteo Renzi. Il decreto legislativo dovrà avere il parere non vincolante delle commissioni Finanze dei due rami del Parlamento, e poi fare ancora un passaggio per il definitivo via libera a Palazzo Chigi. Di sicuro quel piccolo condono non passerà inosservato ed è facile che si aprano polemiche e battaglie, come per altro si è già capito dallo stesso Zanetti che per primo ha sollevato il caso: «D’accordo con quel tetto sull’evasione, ma non sulla frode fiscale, per cui devono restare le norme sulla punibilità esistenti»”.

Sarebbe stata quindi proprio Antonella Manzione, secondo Franco Bechis, di solito cronista molto bene informato,

“a trovare l’uovo di Colombo, e a fare inserire nel decreto delegato sulla riforma fiscale la sostanziale grazia [per Berlusconi] contenuta nell’articolo 15 del decreto legislativo «sulla certezza del diritto nei rapporti fra il fisco e il contribuente». Si tratta della norma che già ha creato più di una polemica, che stabilisce per i reati di evasione fiscale e frode fiscale la non punibilità «quando l’importo delle imposte sui redditi evase non è superiore al tre per cento del reddito imponibile dichiarato o l’importo dell’imposta sul valore aggiunto evasa non è superiore al tre per cento dell’imposta sul valore aggiunto dichiarata». Non punibilità significa depenalizzazione del reato, per cui vengono invece raddoppiate le sanzioni amministrative già previste dal decreto legislativo 471 del 1997. Se dunque la somma evasa o frodata è inferiore al 3 per cento di quella effettivamente dichiarata, non c’è più reato penale”.

Qui Franco Bechis aggiunge un dettaglio fondamentale, che sembra porsi in contraddizione con le certezze di Matteo Renzi:

“La novità deve essere applicata ovviamente a tutti i processi in corso, ma anche alle sentenze già passate in giudicato, secondo quanto stabilito dal comma 2 dell’articolo 2 del codice penale che così recita: «Nessuno può essere punito per un fatto che, secondo una legge posteriore non costituisce reato; e, se vi è stata condanna, ne cessano la esecuzione e gli effetti penali». Se dunque la legge prevede che un certo comportamento non sia più reato, anche le condanne passate in giudicato e tutte le loro pene accessorie cessano di essere esecutive, vengono quindi annullate. Ed è proprio questo il caso della ormai celebre sentenza Mediaset sulla frode fiscale per i diritti tv.

“Cadute in prescrizione durante il lungo iter giudiziario le accuse sugli anni precedenti, alla fine la condanna comminata a Berlusconi era centrata su una evasione di imposta di Mediaset relativa all’anno 2002 di 4,9 milioni di euro e relativa all’anno 2003 di 2,4 milioni di euro. In tutto dunque 7,3 milioni di euro evasi. In quegli stessi anni Mediaset ha versato 135 e 246,5 milioni di imposte. In tutto 381,5 milioni di euro. I 7,3 milioni di euro evasi secondo la sentenza rappresentano l’1.91% delle imposte effettivamente versate. Il reddito imponibile dichiarato da Mediaset e riportato nello stesso dispositivo delle varie sentenze è stato 397 milioni di euro nel 2002 e 312 milioni di euro nel 2003. In tutto 709 milioni di euro, a fronte dei quali quei 7,3 milioni evasi rappresentano l’1,02%.

Siamo dunque ben al di sotto del 3% che viene previsto come soglia di punibilità, e così quel decreto legislativo è in grado di fare uscire Berlusconi dai guai di quella sentenza, di fatto cancellando tutti gli effetti di quella condanna [incluse] le pene accessorie (resta ancora un anno di sospensione dai diritti di elettorato attivo e passivo) e sulla applicazione della contestata legge Severino.

“Se non c’è più la condanna penale ovviamente non è applicabile la conseguenza di sospendere dall’elettorato attivo e passivo il condannato per sei anni. Con quel decreto dunque Berlusconi sarebbe candidabile già la prossima primavera in caso di elezioni anticipate, e ovviamente sarebbe in grado di fare la campagna elettorale come meglio crede”.

 

Resta una norma, l’ultima riga dell’articolo contestato, che potrebbe capovolgere la situazione a svantaggio di Berlusconi:

“Sono comunque fatti salvi gli effetti degli atti di controllo divenuti definitivi alla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo”.

Se si segue il canovaccio del giallo tracciato da Franco Bechis, questa ultima riga sarebbe stata scritta dagli esperti del Fisco e potrebbe essere sfuggita all’inserimento della vigilessa. Resta da capire cosa intendesse l’anonimo estensore, a quali effetti si riferisse: quelli solo fiscali o anche quelli penali?


8 commenti a ““Salva Berlusconi”: è stata Antonella Manzione, vigilessa da Firenze a Palazzo Chigi?”