Rassegna Stampa

Si converte a islam per tornare con l’ex, poi la perseguita

Si converte a islam per tornare con l'ex, poi la perseguita

Si converte a islam per tornare con l’ex, poi la perseguita

GENOVA – Per tornare insieme alla sua ex era disposto a tutto, persino convertirsi all’Islam. Salvo poi trasformarsi in stalker e perseguitarla giorno e notte, arrivando anche a molestarla sessualmente. Il protagonista della storia riportata dal Secolo XIX è un cinquantenne di Lavagna, accusato di maltrattamenti e violenza sessuale nei confronti di una marocchina di 28 anni.

Scrive il quotidiano ligure:

Per tornare assieme alla donna che amava e dalla quale, di lì a poco, avrebbe avuto due figlie, aveva fatto qualsiasi cosa. Sino a convertirsi all’Islam, per dimostrare a lei, ma soprattutto ai suoi famigliari, che era un uomo nuovo. Non è bastato tutto questo a un cinquantenne di Lavagna per comprendere che, oltre alle promesse, serve testimoniare giorno dopo giorno di essere davvero cambiato. E quando la donna, una ventottenne di origini marocchine, l’ha lasciato perché esausta delle sue prepotenze, lui ha iniziato a seguirla ovunque, senza perdere l’occasione di molestarla sessualmente.

L’uomo, che nella vita è un cuoco, è stato condannato dal collegio giudicante del tribunale di Genova a un anno e 5 mesi di reclusione per violenza sessuale, stalking e lesioni. Una pena ridotta rispetto ai quasi tre anni chiesti dalla procura. Si tratta della seconda sentenza di condanna per il cinquantenne, ora difeso dall’avvocato Giovanni Roffo, che era stato già giudicato colpevole di maltrattamenti, sempre ai danni di quella che sarebbe diventata sua moglie, adesso assistita dal legale Giorgio Bellosta.

To Top