Blitz quotidiano
powered by aruba

Silvia Virgulti, “zarina” M5S. E Luigi Di Maio…

Si chiama Silvia Virgulti, è una 40enne di Cremona con un solido curriculum ed è consulente per la comunicazione per il Movimento

ROMA – Il Movimento 5 Stelle ha una sua “zarina”, termine che di solito viene affibbiato a donne di potere, sospette proprio perché donne e di potere. Si chiama Silvia Virgulti, è una 40enne di Cremona con un solido curriculum ed è consulente per la comunicazione per il Movimento. Secondo il Corriere della Sera, che ne fa un approfondito ritratto, sarebbe anche la fidanzata di Luigi Di Maio. Scrive Alessandro Trocino:

Un tempo si diceva che dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna. I tempi son cambiati, per fortuna, e a volte le parti si invertono. Eppure, ogni tanto capita ancora. Bastava essere nella Sala Nassiriya del Senato, il 9 settembre scorso. Sul palco, a parlare di reddito di cittadinanza, Beppe Grillo e Luigi Di Maio. Quest’ultimo, prima di parlare, vede il cellulare vibrare. È un messaggino. Lo legge, poi parla. E pronuncia esattamente la frase che gli ha appena scritto una donna bruna, che gli sorride a pochi metri: Silvia Virgulti.

Eppure, la ragazza bruna seduta al fianco del vicepresidente della Camera, al teatro Linear Ciak per lo show di Beppe Grillo, è più di un gossip. E molto più di una fidanzata. È una donna di potere. Tra i fuoriusciti, è un coro di ironie, ingenerose: «Lui è teleguidato con l’auricolare, come Ambra da Boncompagni». L’arrivo della Virgulti a Roma suscitò un vespaio di invidie. I media si sbizzarrirono: chiamandola «zarina», persino « consulente». Eppure, la ragazza bruna seduta al fianco del vicepresidente della Camera, al teatro Linear Ciak per lo show di Beppe Grillo, è più di un gossip. E molto più di una fidanzata. È una donna di potere. Il curriculum Arriva alla corte di Gianroberto Casaleggio, sponsorizzata dai fratelli Pittarello, con un curriculum e due documenti: una tesina sulla psicologia e un’analisi degli errori di postura in tv di alcuni parlamentari 5 Stelle.

È nata a Casalmaggiore (Cremona), laureata in Glottologia all’istituto di Romanistica di Vienna. E’ diventata esperta di comunicazione per il M5S e a detta del Corriere della Sera anche fidanzata di Di Maio:

Di Maio la vorrebbe a capo della Comunicazione, al posto di Ilaria Loquenzi. Roberto Casaleggio stoppa tutto. Dai social spariscono frasi inopportune e fioriscono baci e abbracci tra le due. Lei si sente sicura. Spiega a una platea attonita che le Europee sono state perse per colpa del «cappellino di Casaleggio». Lui incassa e tutti si chiedono: perché? Lei esibisce una buona dose di cinismo, incitando a «usare la paura e la rabbia che suscita l’immigrazione negli italiani». Nel frattempo, continua i provini. A Paola Taverna, poetessa sanguigna e parlamentare «del popolo», spiega: «Tu devi diventare la Meloni dei 5 Stelle».