Blitz quotidiano
powered by aruba

Sky Italia aumenta ricavi e abbonati: chiuso il trimestre con un fatturato di 719 milioni

Meglio gli Europei di calcio che la Champions League. La conferma arriva dai numeri del primo trimestre dell’esercizio fiscale di Sky Plc e della controllata Sky Italia. Quest’ultima, guidata da Andrea Zappia, ha chiuso il periodo di riferimento con un giro d’affari di 719 milioni di euro, in crescita del 4% rispetto a un anno prima, facendo registrare il maggior balzo dei ricavi da inizio 2009.

La crescita dei conti è stata garantita da due elementi: la raccolta pubblicitaria, aumentata nel trimestre del 17% (miglior performance di sempre nella storia della pay tv italiana) grazie anche all’apporto del canale gratuito generalista Tv8, e l’incremento del numero di abbonati, saliti a quota 4,76 milioni (+22 mila), proseguendo una tendenza che si manifesta da quattro trimestri consecutivi.

Come scrive Claudio Plazzotta su Italia Oggi,

la povera Mediaset Premium, in interim management da oltre tre mesi, non sa più a che santo votarsi (costretta pure ad abbassare i prezzi degli abbonamenti con sconti oltre il 20%: quello minimo scende da 20 a 15 euro, quello massimo, per avere tutti i pacchetti, da 39 a 30 euro al mese).

Va anche segnalata la crescita del numero di abbonati di Sky, per il quarto trimestre consecutivo:

una tendenza che dimostra come la concorrenza di Premium non abbia sostanzialmente prodotto alcun effetto sul parco clienti Sky, saliti di 22 mila unità nel trimestre luglio-settembre, per un totale di 4,76 milioni di contratti.

Importante, poi, non perdere i clienti acquisiti e cercare di offrire nuovi servizi a valore aggiunto. E in queste ottiche, ad esempio, vanno letti gli oltre 1,5 milioni di clienti iscritti al programma fedeltà «Extra», che premia gli abbonati a Sky da più di sei anni; o i servizi On demand, inclusi gli Sky box sets, a cui è connesso oltre il 50% dei clienti Sky. E il boom di Sky go, disponibile gratuitamente solo per gli abbonati da oltre un anno.

PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO DI ITALIA OGGI CLICCA QUI


TAG: ,