Rassegna Stampa

Trieste, scarafaggi e topi nella centrale del 118

Trieste, scarafaggi e topi nella centrale del 118

Trieste, scarafaggi e topi nella centrale del 118

TRIESTE – Topi, scarafaggi, sporcizia. E un accesso facile praticamente per tutti, incustodito. E’ la scena desolante che accoglie il giornalista Gianpaolo Sarti del Piccolo all’ingresso della centrale del 118 di Trieste. Proprio la sede operativa che gestisce le emergenze, da cui partono le ambulanze. Ecco cosa scrive Sarti:

 L’intera palazzina di via Farneto, utilizzata anche per visite e pratiche burocratiche per la certificazione dell’invalidità, ad esempio, è completamente disseminata da esche per scarafaggi. Lungo i corridoi, lungo le scalinate e dietro le porte. Dappertutto. È un’invasione. La presenza degli insetti è stata immortalata dai dipendenti con gli smartphone. E i ratti, già i ratti. In un video si vede la scena di un topo, non proprio un topolino, sorpreso a scorrazzare nel bagno del primo piano. Le immagini mostrano chiaramente l’animaletto che si aggira vicino alla doccia e che, per fuggire, si arrampica su una sedia. Siamo al primo piano, proprio dove è ospitata la Centrale del 118 di Trieste. L’intelligence che gestisce le chiamate e i mezzi di soccorso, la cui efficienza dipende dalla rapidità di intervento, tecnologia e operatività, è costretta a fare slalom tra pantegane e trappole. È costretta a lavorare con spandimenti, soffitti sfaldati dalla muffa, piastrelle divelte, pavimenti e pareti rotti. Anche il condizionatore è completamente fuori uso.

 

To Top