Blitz quotidiano
powered by aruba

Usa, perdono volo per funerale: pilota torna a prenderli

Il pilota ha detto di aver visto così tanta tristezza nei loro volti che, quando è stato informato della loro storia, ha deciso immediatamente di recuperarli

ROMA – Erano in lacrime al punto d’imbarco, davanti alla pista, mentre vedevano partire l’aereo che avrebbe dovuto portarli a Memphis per il funerale del padre. Ma il pilota, che aveva visto tutto, ha preso una decisione inaspettata. Ecco cosa racconta Federica Macagnone sul Messaggero:

Le manovre per raggiungere la pista di decollo erano già state avviate e nulla avrebbe potuto più fermare quell’aereo della Delta Airlines che da Minneapolis stava per effettuare l’ultimo volo della giornata per Memphis. Nulla, tranne il pilota che dal suo finestrino, mentre il velivolo si allontanava dal finger, aveva notato un’intera famiglia in lacrime, ferma al punto d’imbarco, che lanciava cenni disperati affinché si fermasse e tornasse a prenderli. Incuriosito, ha chiesto informazioni al personale di terra e a quel punto non ha avuto dubbi: ha bypassato qualunque regola ed è tornato indietro per farli salire tutti a bordo. E da quel momento è diventato l’eroe della famiglia Short, arrivata da Phoenix per prendere la coincidenza con Memphis, dove la mattina dopo si sarebbero svolti i funerali del padre di Jay, morto di cancro a 56 anni: per loro perdere quel volo avrebbe significato perdere la possibilità di partecipare alle esequie. E’ vero che non si erano presentati in orario, ma la colpa era dei 90 minuti di ritardo del loro volo da Phoenix.

Il pilota ha detto di aver visto così tanta tristezza nei loro volti che, quando è stato informato della loro storia, ha deciso immediatamente di recuperarli. E la famiglia Short, la vedova Marcia e i tre figli, non ha creduto ai propri occhi quando ha visto che l’aereo puntava verso di loro. «Sono così rare cose del genere – ha detto il figlio Rick – E’ così raro che qualcuno si fermi per fare una gentilezza: avremmo bisogno di un mondo con più persone come quel pilota».


TAG: ,

PER SAPERNE DI PIU'