Blitz quotidiano
powered by aruba

Ventimiglia, sindaco a Renzi: “Chiudete centro accoglienza”

VENTIMIGLIA (IMPERIA) – Immigrazione, il sindaco di Ventimiglia, Enrico Ioculano (Pd) scrive al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e chiede di chiudere il centro di accoglienza della cittadina ligure. 

“Chiedo che venga chiuso il Centro di accoglienza: sia perché privo dei requisiti di legge per soddisfare le esigenze e le necessità dei richiedenti asilo, sia per ragioni logistiche e caratteristiche stesse dell’area”, scrive nella sua lettera-appello pubblicata dal quotidiano ligure Il Secolo XIX.

“La chiusura del centro deve essere subordinata all’istituzione di un servizio di accompagnamento dei richiedenti presso strutture idonee”, aggiunge il sindaco nella lettera inviata ai prefetti liguri, alla presidenza del Consiglio, del Senato, della Camera e ai ministeri dell’Interno e della Salute.

Spiega Il Secolo XIX:

Il primo cittadino chiede che vengano tutelati i diritti delle persone migranti, e quindi siano garantiti, indipendentemente dall’identificazione, le condizioni umanitarie e sanitarie, che venga convocato immediatamente il tavolo sull’immigrazione organizzato dalla Prefettura di Genova e che sia chiamato a farne parte il Comune di Ventimiglia; che vengano comunicate le strategie per l’accoglienza, che sia approntato un dispositivo di controllo e gestione del flusso migratorio, che le riammissioni della Francia non vengano più dislocate sul territorio di confine. «In alcuni mesi – avverte Ioculano – sono stati più di duemila gli stranieri riammessi nel nostro Paese attraverso la frontiera di Ventimiglia».

«L’aspetto più grave e ingiustificato – aggiunge il sindaco – è la trasformazione del ‘centro di emergenza’ aperto nel giugno scorso in un centro di accoglienza per richiedenti asilo. Il centro oggi non distribuisce pasti e non assiste i migranti ma solo coloro che si fanno identificare. Poiché la stagione estiva è alle porte e i flussi dei migranti potrebbero aumentare, è evidente che la situazione non è più sostenibile».


PER SAPERNE DI PIU'