Salute

Aborto in ospedale solo fino alla 24esima settimana. Medici Gb votano per abolire limite

Aborto in ospedale solo fino alla 24esima settimana. Medici Gb votano per abolire limite

Aborto in ospedale solo fino alla 24esima settimana. Medici Gb votano per abolire limite (foto d’archivio Ansa)

LONDRA – Nel Regno Unito, 500 medici di base e ospedalieri voteranno se abolire o meno il termine utile per abortire. A fine mese, nel corso di una conferenza alla British Medical Association, si discuterà e voterà la depenalizzazione ma il risultato potrebbe anche essere la richiesta, superato il termine legale, di portare avanti la gravidanza fino al parto.

Attualmente, il limite di tempo per abortire è di 24 settimane dal concepimento, superato il quale due medici devono concordare che portare avanti la gravidanza sarebbe dannoso per la madre o il feto.

C’è chi sostiene che le restrizioni, risalgono a 50 anni fa, incoraggino le donne ad acquistare on line pillole abortive illegali.

Il fatto che la questione sia discussa da una così potente organizzazione come la BMA, scrive il Daily Mail, riflette un cambiamento di opinioni tra i professionisti del settore medico e il grande pubblico.

L’anno scorso il Royal College of Midwives (Collegio Reale delle ostetriche) ha lanciato una campagna per depenalizzare il termine degli aborti e offrire alle donne una scelta maggiore e poter decidere del loro corpo.

A marzo, la questione è stata discussa in Parlamento e la maggioranza dei deputati ha votato a favore della depenalizzazione ma poiché il Parlamento è stato sciolto per le elezioni, il disegno di legge presentato da un laburista non ha raggiunto la fase successiva.

La British Medical Association rappresenta due terzi dei 281.000 medici britannici e funge da sindacato, nonché loro organizzazione professionale.

Se la maggioranza dei medici sarà d’accordo ad abolire il termine, la BMA lo adotterà come linea ufficiale e proporrà al governo un cambiamento della legge.

Il documento che dovranno leggere i medici, non contiene alcuna menzione del fatto che sopravvivono sempre più bambini prematuri, spingendo a richieste per abbassare il limite delle 24 settimane (sesto mese di gestazione).

Nel 2016, i dati ufficiali parlano di 190.406 aborti in Inghilterra e Galles, con una lieve flessione rispetto all’anno precedente. Ma c’è stato un significativo aumento tra le donne che avevano superato i 30 anni.

To Top