Salute

Allarme pesticidi nei cetrioli: non comprate quelli che arrivano dall’Egitto

Allarme pesticidi nei cetrioli: non comprate quelli che arrivano dall'Egitto

Allarme pesticidi nei cetrioli: non comprate quelli che arrivano dall’Egitto

ROMA – Non comprate i cetrioli che arrivano dall’Egitto, contengono pesticidi cancerogeni. Questa l’allerta che arriva dal rapporto Rasff dell’Unione europea e che è stata rilanciata anche dal ministero della Salute. Le ultime analisi svolte il 24 febbraio hanno evidenziato la presenza di pesticidi tossici in alcuni prodotti ortofrutticoli, tra cui i cetrioli che vengono importati dall’Egitto. Questi ortaggi sono contaminati da procimidone, un pesticida che nell’Ue è proibito.

Il procimidone è un pesticida che distrugge i recettori degli androgeni e può avere effetti sul sistema endocrino, per questo motivo in Europa è stato vietato. Lo Sportello dei diritti in una nota dell’11 marzo spiega che il pesticida è sospettato di cancerogenicità ed esiste il timore che possa danneggiare l’apparato riproduttivo maschile:

“La segnalazione è stata diffusa il 9 marzo dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) ed inviata al Ministero della salute italiano. È l’amaro prezzo del mercato globale, commenta Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che ci offre tutti i prodotti possibili e desiderabili, ma rende sempre più difficili i controlli sulla loro qualità. Per il solo fatto che arrivino alla nostra frontiera ancora prodotti alimentari messi in commercio sul mercato unico che presentano quantità di pesticidi oltre i limiti o proibiti dalla legge deve far riflettere perché evidentemente gli sforzi fatti a partire dalla tracciabilità dei beni non sono ancora serviti, mentre tanti altri devono essere fatti per obbligare l’UE ad abbassare ulteriormente le soglie legali sulle dosi di prodotti e sostanze chimiche.

Fino a che le competenti autorità europee non saranno in grado di proteggerci da agricoltori e venditori scorretti, l’unica cosa sensata è aprire bene gli occhi quando si va a fare la spesa e leggere sempre la provenienza di frutta e verdura indicata sull’etichetta. In questo periodo dell’anno resta peraltro sconsigliato l’acquisto di peperoni, pomodori e cetrioli di origine spagnola, turca o africana. Per chi non sa o non vuole rinunciare a mangiare ortaggi estivi anche d’inverno, è opportuno rifornirsi almeno nei negozi biologici. L’alternativa più sicura resta comunque il consumo di prodotti locali di stagione come cavoli, sedano rapa,porro e carote”.

 

To Top