Blitz quotidiano
powered by aruba

Bere da bottiglia già usata? Peggio che leccare la tazza del water

Bere da una bottiglia già usata è peggio che leccare la tazza del water. Lo dice una ricerca di Treadmillnews. In laboratorio sono state analizzate delle bottiglie ognuna delle quali era stata usata da uno sportivo per una settimana. Le bottiglie con il più alto numero di batteri, con 900 mila unità formanti colonie (Cfu) per centimetro quadrato, avevano più batteri della media di una tazza del wc.

Le bottiglie in media presentavano 313.499 unità formanti colonie di batteri per centimetro quadrato. Nelle bottiglie si accumulano germi perché non vengono lavate e perché quotidianamente entrano a contatto col sudore e con tutti i batteri che uno sportivo può incontrare nella giornata media.

E, giusto per mettere ancora un po’ più di ansia, i ricercatori hanno scoperto che il 60% dei batteri nelle bottiglie d’acqua usate sono in grado di infettare e far ammalare un essere umano.

Questo non vuol dire che non si possano riutilizzare le bottiglie. Innanzitutto non tutte le bottiglie sono uguali. Le bottiglie dall’apertura a slide (a scorrimento, si usa nelle borracce colorate per bambini) sono quelle dove si annidano più batteri, con una media 933.340 unità formanti colonie per cm quadrato.

Le bottiglie con apertura “squeeze” (per bere bisogna “spremere” la bottiglia) o con un normale tappo che si svita hanno una media di 160 mila unità formanti colonie di batteri per centimetro quadrato.

Le più igieniche sembrano essere le bottiglie “straw-top” ovvero con una cannuccia (con beccuccio) messa sopra il tappo: questa tipologia riscontra una media di 25 mila unità formanti colonie di batteri per cm quadrato.

I ricercatori hanno scoperto che bere da una bottiglia d’acciaio inossidabile è più igienico che bere da bottiglia di plastica. Si raccomandano di evitare le bottiglie con aperture scomode e con punti difficili da raggiungere (quando le si lava).

Bisogna infatti cercare di lavare le bottiglie ogni volta che le si usa, e farlo con cura: una semplice passata d’acqua non basta.

 


TAG: ,

PER SAPERNE DI PIU'