Blitz quotidiano
powered by aruba

Caccole, mangiarle fa bene. “Aiutano sistema immunitario”

ROMA – Quella di mettersi le dita nel naso è pratica diffusissima. Lo è certo da bambini, ma tanti adulti non disdegnano. Le dita nel naso servono a liberare la narici che possono intasarsi per il muco, trasformatosi in “caccole”. Queste si insinuano nei seni frontali e mascellari, spazi vuoti che si trovano dietro la fronte e gli zigomi. Il nostro corpo produce continuamente muco, serve a tenere lubrificate le superfici interne e questo deve pur andare a finire da qualche parte: il suo destino è lo stomaco, ma se perde la sua quota di acqua, resta intrappolato nel naso.

Secondo i medici non è indispensabile asportarle, ricorda Focus, ma ai medici non sempre si da ascolto. Le caccole danno prurito, sono terribili da vedere penzolare dalla narice del nostro interlocutore, danno la sensazione di limitare l’aria che passa dal naso. E non meno importante c’è l’istinto di esplorazione che alberga dentro tutti e che porta alla scoperta di ufo dentro al naso ogni volta dalle forme e colori diversi.

Ma cosa ci facciamo con le caccole? Lo spiega l’Università del Winsconsin che da un’indagine su mille abitanti della città di Dane County ha scoperto che un buon 90,3% affida al fazzoletto la morte delle sue caccole. Gli altri però danno sfogo alla fantasia: il 28,6% le lancia sul pavimento, il 7,6% le attacca sotto un mobile, l’8% fa la cosa forse più naturale, cioè le mangia.

Sin dai primi anni di vita, i bambini sono sottoposti a una campagna di senso di colpa da parte dei genitori quando vengono scoperti a mangiare le proprie caccole. Ma non c’è niente di più salutare, secondo il pneumologo austriaco Friedrich Bischinger.

Il luminare ha pubblicato una ricerca sulla rivista New Scientist con la quale ha ribadito che mangiare le caccole del naso stimola le difese naturali dell’organismo, che si abitua a combattere quel ricettacolo di virus e batteri che contengono. E poi diciamolo senza vergogna: le caccole sono buone, saporite, anzi sono “leggermente salate” come confermato dagli intervistati del Wisconsin. Tutto merito del potassio e del sodio che contengono, oltre che calcio, cloro, acido carbonico, proteine, carboidrati e lipidi. Focus suggerisce che per cavarle via si dovrebbe usare un nebulizzatore di soluzione salina.


TAG: