Salute

Colesterolo buono HDL? Troppo fa comunque male

Colesterolo buono HDL? Troppo fa comunque male

Colesterolo buono HDL? Troppo fa comunque male

ROMA – Non solo colesterolo cattivo (LDL): anche il cosiddetto colesterolo buono (HDL) se in eccesso può fare male alla salute. E’ quanto rivela uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Copenaghen, in Danimarca.

Fino ad oggi si è sempre sostenuto che il colesterolo HDL contrastasse quello cattivo, che si accumula nelle arterie con il rischio di ostruirle con delle placche che possono provocare attacchi cardiaci, infarto o ictus. Questo nuovo studio, però, rivela che non è così.

I ricercatori, guidati dal professor Børge G. Nordestgaard, hanno esaminato un campione di 116mila volontari, monitorandone le condizioni di salute per sei anni attraverso periodiche analisi del sangue.

Alla fine del periodo di studio è emerso che gli uomini con quantità molto elevate di colesterolo HDL nel sangue avevano una probabilità del 106% di morire prematuramente rispetto agli uomini con livelli di colesterolo buono nella norma.

Discorso simile per le donne, anche se in percentuali ridotte: in questo caso, infatti, le volontarie con livelli elevati di HDL nel sangue avevano il 68% di probabilità di morire prematuramente rispetto a quelle con livelli di HDL nella norma.

 

I risultati di questo studio, insomma, illustrano come la diffusa credenza secondo cui una elevata concentrazione di colesterolo HDL nel sangue protegge da attacchi cardiaci, infarti e ictus è falsa. Un po’ come per le vitamine o alcuni alimenti come il cioccolato, quantità moderate sono di aiuto alla salute, ma quantità eccessive sono, al contrario, dannose.

 

 

 

To Top