Blitz quotidiano
powered by aruba

Creme solari fanno cadere ciglia e sopracciglia

ROMA – Due i pochi dati certi a disposizione: si registra una epidemia di caduta di ciglia e sopracciglia in tutto il mondo tranne in Asia. I medici parlano di alopecia fibrosante frontale, che quando diventa permanente si chiama cicatriziale. Colpisce nella maggior parte dei casi le donne adulte, tranne le asiatiche che notoriamente non si espongono al sole e no usano per questo creme solari.

la circostanza fa dire che deve esserci una relazione di causa-effetto. La patologia si manifesta quando si inizia a diradare l’attaccatura dei capelli, i peli di braccia e gambe scompaiono, la pelle del volto si assottiglia evidenziando le venature sottostanti,m macchie brune e arrossate fanno capolino. Il fenomeno opposto, cioè un innaturale allungamento di ciglia e sopracciglia, annuncia la comparsa di una malattia chiamata tricomegalia.

La diagnosi precoce è essenziale in quanto i trattamenti disponibili (tacrolimo topico, antimalarici e inibitori della 5 alfa reduttasi per via orale) arrestano la progressione dell’alopecia ma non possono purtroppo indurre ricrescita in quanto i follicoli vengono distrutti. L’autotrapianto delle sopracciglia è stato sperimentato con successo, mentre l’autotrapianto di capelli non produce risultati duraturi .

Un’altra causa non rara di caduta delle ciglia e delle sopracciglia è l’alopecia areata, in questo caso i follicoli non vengono distrutti e i trattamenti possono indurre una ricrescita. La terapia più efficace per le ciglia è costituita dagli agonisti delle prostaglandine, in commercio come colliri per il trattamento del glaucoma. Le sopracciglia possono essere trattate con infiltrazioni di cortisone o con i nuovi JAK inibitori per uso topico (ruxolitinib e tofacitinib), non ancora disponibili in Italia. (Antonella Tosti, La Repubblica)