Blitz quotidiano
powered by aruba

Dieta vegana, carcere per chi la impone ai figli: proposta di legge di Elvira Savino, Forza Italia

Carcere fino a un anno per chi impone la dieta vegana ai figli minori di 16 anni: è la proposta di legge firmata dalla deputata Elvira Savino di Forza Italia (di lei se ne parlava molto ai tempi di Berlusconi). Secondo la proposta, che arriva dopo fatti di cronaca che hanno acceso i riflettori sugli eccessi “ideologici” di alcuni genitori vegani, diventerebbe perseguibile penalmente chi “impone o adotta nei confronti di un minore degli anni 16, sottoposto alla sua responsabilità genitoriale o a lui affidato per ragione di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia, una dieta alimentare priva di elementi essenziali per la crescita sana ed equilibrata del minore stesso”. Se mai la legge dovesse essere varata, chi trasgredisce sarà punibile con una pena che può arrivare a un anno di reclusione.

L’intento della proposta di legge Savino è proteggere i minori e dunque impedire ai genitori “radicalizzati” di imporre ai figli un’alimentazione troppo restrittiva e priva di quegli elementi nutritivi essenziali a una corretta crescita e a un adeguato sviluppo fisico e cognitivo.

 

“Ormai da anni e, in modo particolare, nell’ultimo decennio – scrive Savino nella premessa della sua proposta – si è andata diffondendo in Italia la credenza che una dieta vegetariana, anche nella sua espressione più rigida della dieta vegana, apporti cospicui benefìci alla salute dell’individuo”. Niente da dire se si tratta di scelte di adulti responsabili, dice Savino, ma “il problema sorge quando a essere coinvolti sono i minori”.

“Molte volte – asserisce la deputata di Fi – , infatti, soprattutto ai figli di genitori che seguono diete vegane o vegetariane, viene imposta a minori un’alimentazione che esclude categoricamente e imprudentemente alimenti di origine animale e loro derivati”. Invece, afferma Savino, per adolescenti e bambini l’alimentazione vegana o vegetariana “è carente di zinco, ferro tipo eme (contenuto in carne e pesce), vitamina D, vitamina B12 e omega-3“; tutte sostanze necessarie per un corretto sviluppo.

Citando anche i principi della Costituzione, Savino spiega infine che la sua proposta di legge ha il fine di “stigmatizzare definitivamente le condotte alimentari incaute e pericolose imposte dai genitori, o da chi ne eserciti le funzioni, a danno dei minori di età”.

Detto questo, la legge proposta prevede la pena della reclusione fino a un anno per il reato-base, ma se dal fatto “deriva al minore una malattia o una lesione personale permanente, la pena è della reclusione da due anni e sei mesi a quattro anni”; se poi ne consegue la morte, “la pena è della reclusione da quattro a sei anni”.

Infine, le pene vengono aumentate di dodici mesi “qualora le condotte ivi sanzionate siano adottate nei confronti di minori di anni tre”. In pratica, un genitore che sottoponga il figlio di meno di 3 anni a una dieta vegana rischierebbe, nella migliore delle ipotesi, fino a due anni di carcere.