Blitz quotidiano
powered by aruba

Difterite torna in Italia, perché ci si vaccina di meno

ROMA – In Italia è tornata la difterite: una malattia che non solo la generazione dei trentenni non conosce, ma alla quale nemmeno i sessantenni di oggi sono molto avvezzi. Eppure anche nel nostro Paese c’è stato almeno un caso in tempi recenti. E la colpa è del fatto che non si vaccinano più i bambini contro queste malattie che si credono ormai debellate.

“In Italia si è già verificato un primo caso di insulto difterico, l’ho già detto pubblicamente, ma non posso dire dove”. Lo ha dichiarato il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Walter Ricciardi, riferendosi ad un attacco di difterite,parlando dei rischi connessi al calo dei vaccini, nel corso del suo intervento a un congresso di pediatria a Firenze. A causa del calo delle vaccinazione, ha ribadito Ricciardi, “ci attendiamo anche in Italia casi di poliomielite e difterite”.

Ricciardi ha poi parlato del morbillo, spiegando come in Italia momento ci siano 670 mila bambini che rischiano di contrarlo poiché non vaccinati. “A questi – ha detto – vanno aggiunti circa un milione e mezzo di giovani adulti a rischio, per un totale di circa 2 milioni di persone suscettibili all’infezione”.