Blitz quotidiano
powered by aruba

Drunkoressia, allarme giovani: ecco come ci si ammala

ROMA – Allarme drunkoressia: otto giovani su dieci bevono esageratamente, mettendo a rischio la propria salute. E’ l’allerta lanciato da uno studio condotto dal centro di salute pubblica dell’Università di Houston, in Texas (Usa) e presentato durante il meeting annuale sulle malattie alcol-correlate.

Dalla ricerca, condotto su quasi duemila studenti dell’ateneo texano, è emerso che otto universitari su dieci bevono più del massimo consentito, ovvero oltre quattro bevande alcoliche in una sola serata, e spesso a stomaco vuoto, in modo da massimizzare gli effetti della sbronza.

Ma il discorso non riguarda certo solo gli Stati Uniti: come ricorda Fabio Di Todaro su La Stampa, sono trecentomila i giovani italiani colpiti dalla drunkoressia, come viene chiamato questo fenomeno rischioso per la salute, che spesso va di pari passo con disturbi alimentari come anoressia e bulimia. 

Si parte dall’aperitivo, si procede con del vino, poi qualche cocktail o stino. E questo più spesso di quanto si possa pensare, soprattutto d’estate. I rischi per la salute, però, sono molti. Bere, soprattutto se non si mangia adeguatamente, può esporre l’organismo a deficit di vitamine e sali minerali, spiega Di Todaro, e ad un eccessivo introito di calorie senza valori nutrizionali.

Ci sono poi i danni cronici, che possono rivelarsi persino fatali. Parliamo dei danni neurologici, in particolare per i minorenni, e dei danni al fegato. La cirrosi epatica, provocata proprio dall’abuso di alcol, è il primo fattore di rischio per il tumore al fegato. 

Ma non finisce qui. Perché come è noto chi beve molto è anche più propenso a risse e colluttazioni, ma anche ad incidenti stradali.

Per evitare tutto questo basta attenersi alle linee guida dell‘Organizzazione mondiale della sanità, o quanto meno cercare di aderirvi il più possibile. Secondo l’Oms gli uomini adulti non dovrebbero bere più di due bicchieri di vino al giorno (o una birra o un bicchierino di superalcolico), mentre le donne dovrebbero fermarsi alla metà di queste quantità. E divieto assoluto per chi non ha ancora quindici anni.

 


TAG:

PER SAPERNE DI PIU'