Blitz quotidiano
powered by aruba

Febbre del Nilo, un caso a Bologna: tre in Europa

ROMA – Segnalati in Europa i primi tre casi di malattia neuroinvasiva causata dal virus del Nilo Occidentale (West Nile, o febbre del Nilo occidentale) della stagione 2016: un caso è stato confermato in Italia, a Bologna, e due in Romania. E’ quanto evidenzia il bollettino del Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc).

In Italia ogni anno l’Istituto superiore di sanità (Iss), con le regioni, coordina un piano di sorveglianza da giugno a settembre su questa malattia, il cui virus viene veicolato da uccelli migratori e zanzare. Al 28 luglio il primo e unico caso finora confermato nel nostro Paese riguarda un uomo di 74 anni, segnalato dalla Asl di Bologna. Due gli altri casi europei confermati, che riguardano i distretti di Dojl e Braila in Romania, e 19 i casi segnalati nei paesi vicini, tra cui 10 in Israele. Il periodo di incubazione della malattia, dal momento della puntura della zanzara infetta, varia fra 2 e 14 giorni.

La maggior parte delle persone contagiate non mostra alcun sintomo. I sintomi nel 20% dei casi sono leggeri, e possono andare dalla febbre e mal di testa, a nausea, vomito e linfonodi ingrossati. In casi molto più rari, alcuni casi di infezione si sono avuti con trapianti di organi, trasfusioni di sangue e trasmissione madre-feto in gravidanza. .