Blitz quotidiano
powered by aruba

Ha un trauma cranico, si riprende e parla francese

ROMA – Ha un trauma cranico, si riprende e comincia a parlare francese e a comportarsi come se fosse francese, guardando film francesi e mangiando solo cibo francese. E’ quel che è accaduto ad un cinquantenne italiano, racconta Antonio Bonanata sul Messaggero. 

L’uomo aveva studiato francese a scuola e intorno ai vent’anni aveva avuto una breve relazione con una ragazza francese, ma il suo rapporto con quel Paese e quella lingua era finito lì. Invece dopo essersi ripreso da un trauma cranico ha iniziato a comportarsi come se fosse francese. Racconta Bonanata sul Messaggero:

“Il francese di J.C. (la sigla che si è scelta per indicare l’uomo, ndr) è pieno di errori, egli tuttavia parla con ritmo veloce e intonazione eccessiva, utilizzando una prosodia da film e posando come la tipica caricatura da personaggio d’Oltralpe. Egli parla in francese con chiunque gli si trovi davanti, dagli sbalorditi parenti – che non riescono a trovare una spiegazione per questo fenomeno così inaspettato – ai primari che hanno seguito il suo caso. Ha parlato in francese anche davanti all’incredula commissione che doveva stabilire l’ammontare del suo trattamento pensionistico”.

Quel che è accaduto all’uomo è uno dei casi di una sindrome poco diffusa (60 casi al mondo) chiamata “sindrome compulsiva da lingua straniera” per cui ci si riprende da un trauma cerebrale manifestando disturbi del linguaggio.

Scrive sempre Bonanata:

J.C., stando alle diagnosi, ha manifestato altre anomalie comportamentali, tra cui manie di grandezza, disturbi del sonno e una immotivata euforia, da lui ritenuta joie de vivre. Si è anche reso protagonista di qualche stranezza: è solito comprare senza motivo una quantità enorme di oggetti, come quando aveva bisogno di due grucce e ne ha acquistate 70. Stando a chi vive con lui e segue il suo strano caso, si alza ogni mattina, apre la finestra della camera da letto e scandisce felice un sonoro bonjour!


PER SAPERNE DI PIU'