Blitz quotidiano
powered by aruba

Insalata e rucola da Italia, allarme Escherichia Coli

ROMA – Insalata e rucola a rischio in Inghilterra, ma la cosa potrebbe avere conseguenze anche in Italia. Infatti parte di questa insalata contaminata da Escherichia Coli è importata da aziende italiane. Fatto sta che 109 persone sono state ricoverate perché contaminate da questo batterio.

Scrive Libero:

Ne dà notizia il sito Il Fatto Alimentare che spiega come le autorità britanniche hanno avviato delle approfondite analisi dopo aver registrato un aumento dei casi dell’infezione nel sud-ovest e sud-est del Paese. Dalle ricerche si è risalite a due ditte inglesi che importano l’insalata e la rucola da ditte italiane, due delle quali situate in Lombardia, due in Campania e una in Basilicata. L’infezione da E. coli VTEC 0157 è particolarmente aggressiva e può causare una sindrome emolitica-uremica, infatti per un’alta percentuale delle persone colpite da questa gastroenterite è stato necessario il ricovero ospedaliero.

Le autorità del Regno Unito hanno lanciato un’allerta, spiega sempre il sito Il Fatto Alimentare, per l’epidemia che ha colpito il Paese e chiesto informazioni al Ministero della salute italiano che ha inviato una comunicazione a tutte le sedi periferiche interessate per condurre accertamenti e verifiche presso le società coinvolte. Per il momento in Italia così come negli altri Paesi non sono stati segnalati casi di infezioni.

Immagine 1 di 8
  • Insalata russa, cosa c'era in quella originale? Aragosta, selvaggina...Insalata russa, cosa c'era in quella originale? Aragosta, selvaggina...
  • Insetti nella insalata alla mensa a scuola. "Può capitare"
  • Busta di insalata, tra le foglie c'è ragno
  • Insalata in busta, macedonia pronta...cambia l'etichetta
  • Iceberg, invasione dell'insalata spagnola: italiani la preferiscono alla lattuga
  • Foto d'archivio
  • Alonzo Liverman
Immagine 1 di 8