Blitz quotidiano
powered by aruba

Marijuana, il fumo danneggia il cuore più delle sigarette

WASHINGTON – Il fumo di marijuana danneggia il cuore più del fumo di sigaretta. Questo il risultato di una ricerca condotta dall’università della California di San Francisco, che sottolinea come il fumo di marijuana espone a rischi cardiaci tre volte di più di quello delle sigarette. Si tratta di una ricerca condotta in laboratorio sui topi, ma altri test saranno necessari per validarne il risultato.

Negli esperimenti i ricercatori americani hanno esposto i topi sia al fumo passivo di marijuana che a quello di sigaretta. In entrambi i casi, nei topi gli scienziati hanno osservato una alterazione delle funzioni venose e di quelle arteriose, con implicazioni negative per le funzionalità cardiache.

Nonostante i danni siano stati registrati sia per il fumo di erba che per quello di sigaretta, i ricercatori americani hanno osservato che dopo l’espozione al fumo di marijuana i topi hanno impiegato un tempo triplo a recuperare le funzioni cardiache normali rispetto a quello necessario dopo aver inalato fumo di sigaretta. In dettaglio: sono occorsi 90 minuti di ‘recupero’ dopo l’esposizione al fumo di ‘erba’ contro i 30 dopo il fumo di tabacco. L’articolo è stato pubblicato sullla rivsta scientifica Journal of American Heart Association.