Blitz quotidiano
powered by aruba

Obesità per 1 uomo su 10 e 1 donna su 7. I Paesi più colpiti

LONDRA –  Obesità, la vera dimensione della crisi di obesità nel mondo è ora evidente, con le cifre che rivelano che più di un uomo su dieci e più di una donna su sette in tutto il mondo sono obesi. E la situazione è destinata solo a peggiorare, gli esperti predicono che quasi un quinto delle persone entro un decennio rientreranno in questa categoria.

Le allarmanti statistiche sono parte dello studio sull’obesità più grande al mondo, che ha misurato l’altezza e il peso di quasi 20 milioni di adulti. Rivela che attualmente ci sono 640 milioni di persone obese in tutto il mondo, cifra che comprende 266 milioni di uomini e 375 milioni di donne.

In generale, gli uomini e le donne più grassi ora vivono in Cina e negli Stati Uniti. Gli Stati Uniti, tuttavia, hanno ancora il più alto numero di uomini e donne gravemente obesi nel mondo. In Gran Bretagna i tassi di obesità sono il 28,4% per le donne – il secondo più alto in Europa dietro soltanto a Malta – e 26,2% per gli uomini, la peggiore nel continente. E nell’arco di un decennio, sarà la nazione più grassa in Europa, con quasi il 40 per cento degli adulti obesi.

La ricerca, guidata da scienziati dell’Imperial College London con il coinvolgimento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha anche scoperto che la popolazione mondiale è aumentata di circa 1,5 kg in ogni decennio successivo a partire dal 1975.

Pubblicato su The Lancet, ha constatato che il tasso globale di obesità in età adulta è più che triplicato negli uomini, all’11%, e più che raddoppiato nelle donne, al 15%, negli ultimi quattro decenni. Ma la tendenza è più pronunciata in molti Paesi occidentali, con un quinto degli adulti di tutto il mondo che vivono nelle sole sei ricche nazioni di lingua inglese – UK, USA, Canada, Irlanda, Australia e Nuova Zelanda.

La ricerca ha previsto che se queste tendenze globali continuano, entro il 2025 il 18% degli uomini di tutto il mondo e il 21% delle donne saranno obesi. Ciò pone un individuo a rischio significativamente maggiore di malattie come il diabete, cardiovascolari e il cancro.

Altri risultati chiave del rapporto sono:

  • Gli uomini e le donne giapponesi hanno avuto il più basso indice di massa corporea nel mondo ad alto reddito;
  • Gli uomini e le donne americane hanno avuto il più alto indice di massa corporea di tutti i Paesi ad alto reddito.
  • I BMI più bassi in Europa sono tra le donne svizzere e gli uomini bosniaci.
  • Timor Est, l’Etiopia e l’Eritrea hanno il più basso indice di massa corporea media in tutto il mondo.
  • Il Paese con il più alto indice di massa corporea medio erano le Samoa americane (media BMI di 35 kg / m2 per le donne e 32 kg / m2 per gli uomini), in cui l’individuo medio è classificato come obeso.
  • L’obesità patologica, in cui il peso di una persona interferisce con le funzioni fisiche di base come la respirazione e camminare, ora colpisce circa l’1% degli uomini nel mondo, e il 2% delle donne. In totale, 55 milioni di adulti sono obesi.
  • Donne di Singapore, Giappone e alcuni Paesi europei, tra cui Repubblica Ceca, Belgio, Francia e Svizzera, non hanno avuto praticamente alcun aumento della media BMI superiore a 40 anni.

Gli autori dello studio dicono che uno dei motivi per cui i tassi di obesità si sono stabilizzati in Francia – e altrove in Europa – è perché i governi hanno fortemente promosso il cibo sano, mettendo al contempo in guardia sui pericoli di spuntini.

E nonostante il trend di aumento di peso, c’è anche il basso peso corporeo che rimane un serio problema di salute pubblica nelle regioni più povere del mondo, hanno sottolineato.

Il team ha anche esaminato il numero di persone che sono sottopeso nei diversi Paesi, che nel periodo di 40 anni è diventato del 14-9% negli uomini e 15 – 10% nelle donne. Il problema era maggiore in Paesi come l’India e Bangladesh, dove quasi un quarto degli adulti sono sottopeso.

In Asia meridionale, quasi un quarto della popolazione sono ancora sottopeso, e nel centro ed est dell’Africa oltre il 15% degli uomini e il 12% delle donne pesava troppo poco.

Il professor Majid Ezzati, dell’Imperial College London, che ha guidato la ricerca, ha dichiarato: “Nel corso degli ultimi 40 anni, siamo passati da un mondo in cui la prevalenza sottopeso era più che doppia rispetto a quella dell’obesità, ad una in cui ci sono più persone obese rispetto a quelle sottopeso. Il numero di persone in tutto il mondo il cui peso rappresenta una grave minaccia per la loro salute, è più grande che mai. E questa espansione dell’obesità è troppo ampia per essere affrontata con i soli farmaci per la pressione arteriosa o trattamenti per il diabete, o con poche altre strade. Per affrontare questa crisi, abbiamo bisogno di iniziative globali coordinate, come ad esempio comparare il prezzo del cibo sano rispetto al cibo malsano, o il tasso elevato di zuccheri e alimenti altamente trasformati”.

Ha poi aggiunto:

“Se le tendenze attuali continuano, non solo il mondo non raggiunge l’obiettivo di arrestare l’obesità, nel 2025 più donne saranno gravemente obese di quelle sottopeso. Per evitare un’espansione della grave obesità, devono essere attuate in modo rapido nuove politiche in grado di rallentare e fermare l’aumento a livello mondiale del peso corporeo, comprese le politiche alimentari intelligenti e una migliore formazione sanitaria. Ci auguriamo che questi risultati creino l’imperativo di spostare la responsabilità dall’individuo ai governi, per sviluppare e attuare politiche per affrontare l’obesità. La situazione è improbabile che cambi se ad esempio non si fanno prezzi accessibili a cibi sani come frutta e verdura e a tutti quelli freschi, e non si aumenta, invece, il prezzo di alimenti trasformati che non sono sani”.

Inoltre, la probabilità di raggiungere l’obiettivo globale sull’obesità dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (che ha lo scopo di non aumentare l’obesità sopra i livelli del 2010 entro il 2025) sarà vicino allo zero.

Scrivendo sulla rivista, il professor George Davey Smith della School of Social and Community Medicine della University of Bristol, ha sottolineato l’importanza di non lasciare che l’obesità distolga l’attenzione da chi ha un’alimentazione povera.

“Focalizzarci sull’obesità a scapito della sotto-alimentazione rischia di sottrarre risorse ai disturbi che colpiscono i poveri a quelli che hanno maggiori probabilità di influenzare i ricchi nei paesi a basso reddito”, ha avvertito.


PER SAPERNE DI PIU'