Salute

Sex appeal femminile, qual è il segreto? Le due teorie

Sex appeal femminile, qual è il segreto? Le due teorie

RALEIGH – Il segreto del sesso e il sex appeal femminile: nel primo studio, alcuni ricercatori hanno scoperto i neuroni che attivano l’attrazione e spingono a notare il sesso opposto; dal secondo studio emerge che la “bellezza femminile” non è solo questione di sex appeal: può esser sorta per aiutare le donne a competere così da ottenere una condizione sociale migliore o proteggersi dai predatori.

Nel primo studio, i ricercatori dell’University of North Carolina (UNC) School of Medicine, sui topi hanno utilizzato delle tecniche diagnostiche per immagini, inclusa l’optogenetica, che utilizza la luce per stimolare particolari aree del cervello.

Lo studio ha individuato la molla dell’attrazione nell’ipotalamo, situato in basso al centro del cervello e responsabile del controllo le principali funzioni corporee, come la temperatura, la fame, la sete e il comportamento sessuale.

E’ stata esaminata l’area mediale preottica (MPOA) del cervello, un insieme specifico di neuroni all’interno dell’ipotalamo. Una ricerca precedente aveva scoperto che l’MPOA è importante per il comportamento sociale e riproduttivo di tutte le specie di vertebrati studiate, dal pesce all’uomo.

Per verificare come questa zona del cervello lavori sull’attrazione, i ricercatori hanno esposto topi femmina all’urina del topo maschio: la reazione è stata che un grande numero di neuroni nell’MPOA hanno rivelato una maggiore attività.

I ricercatori hanno anche scoperto che i neuroni hanno risposto con più forza all’urina del topo maschio quando le femmine avevano alti livelli di estrogeni o una combinazione di estrogeni/ progesterone.

Di contro, gli stessi neuroni non erano eccitati quando i topi maschi sono stati esposti all’odore di urina del topo femmina o quelli del cibo.

Per migliorare la precisione della tecnica, i ricercatori hanno utilizzato topi che erano stati geneticamente modificati in modo che fossero presi in considerazione solo i loro neuroni MPOA.

Hanno scoperto che stimolando i neuroni MPOA con la luce dell’optogenetica, veniva attivato il rilascio del neurotrasmettitore endogeno, la dopamina, in un’area del cervello, chiamata area ventrale tegmentale (VTA).

La dopamina aiuta a stimoli che producono motivazione e ricompensa, piacere.

Topi maschi e femmine, i cui neuroni MPOA erano stati stimolati, si sono spostati più vicini a quelli di sesso opposto.

I risultati suggeriscono che i neuroni MPOA contribuiscono all’attrazione nei confronti di un potenziale compagno ma, insieme, implicano anche l’ansia, la depressione e relativi disordini, che possono colpire alcune donne in base ai cambiamenti dei livelli ormonali.

Per quanto riguarda invece il secondo studio, sul sex appeal delle donne, è noto che nella maggior parte delle specie, i maschi hanno un aspetto appariscente, tratti accattivanti per sgominare la concorrenza maschile e catturare l’attenzione delle femmine che sono più scialbe e meno vistose.

Ma in alcune specie, tra cui lucertole, crostacei e primati, nelle femmine si sono evolute caratteristiche decisamente accattivanti e non solo per vincere i compagni.

La femmina del granchio reale o blu (Callinectes sapidus) ha artigli rossi a punta, che possono essere paragonate alle unghie con lo smalto: i granchi maschio ne sono attratti, li preferiscono a quelli di colore arancione leggero di altre femmine.

La lucertola femmina del deserto dell’Arizona, quando è pronta per l’accoppiamento, sul collo e sul dorso compaiono particolari macchie rosso-arancioni. E i maschi sono attratti dalle femmine che hanno macchie più scure: indicano che produrranno uova di qualità migliore.

Courtney Fitzpatrick, ricercatore alla Duke University e co-autore dello studio pubblicato sulla rivista Evolution, sostiene che la bellezza femminile è stata spesso trascurata, i biologi per lungo tempo hanno studiato gli abbellimenti maschili.

Afferma che molti maschi attraenti, con un DNA di elevata qualità conquistano molte ragazze, diventano padri di più figli ma non è chiaro il motivo per cui nelle donne dovrebbero evolvere tratti che attirino l’attenzione.

Le femmine di solito privilegiano la qualità alla quantità, mentre i maschi fanno il contrario.

Secondo i ricercatori, la maggior parte degli studi dimostra che le donne appariscenti, usano il loro aspetto per “concludere un buon matrimonio” e conquistare l’attenzione dei maschi con un alto corredo genetico che hanno più probabilità di diventare migliori genitori.

Quando questo tipo di donna ha delle figlie, trasmette loro la stessa possibilità di attrarre maschi belli, con alta qualità genetica e il ciclo continua di generazione in generazione.

Tuttavia, i ricercatori affermano che il fatto che i maschi preferiscano alcuni tratti femminili rispetto ad altri, non significa necessariamente che quei tratti si siano evoluti al punto da attrarre tutti i maschi.

To Top