Salute

Sigarette elettroniche, nuovo rapporto Usa dice che fanno male

Sigarette elettroniche, nuovo rapporto Usa dice che fanno male

Sigarette elettroniche, nuovo rapporto Usa dice che fanno male

ROMA – Avvicinano i giovanissimi alla nicotina e possono contenere particelle ultra fini in grado di raggiungere le vie respiratorie più profonde. Sigarette elettroniche ancora sotto accusa negli Stati Uniti, per via di un rapporto redatto per il governo e destinato a far discutere. La prima preoccupazione, spiega al Washington Post il Dottor Vivek Murthy portavoce per la salute pubblica del governo federale, sono i teenager. Negli Usa le e-cig rappresentano la forma più diffusa di tabacco tra i giovani. Dati alla mano Murthy parla di numeri triplicati tra gli studenti di scuola media. Mentre tra gli adulti dai 18 ai 24 anni, il tasso di utilizzatori è raddoppiato.

Uno studio pubblicato su Pediatrics, spiega che “tra i consumatori prevale la consapevolezza che le sigarette elettroniche sprigionano una quantità di sostanze tossiche inferiori rispetto a quelle tradizionali”. La convinzione che facciano meno male, può rappresentare un viatico verso le bionde tradizionali. L’esposizione alla nicotina da parte degli adolescenti, poi, “può provocare dipendenza e danni irreversibili”, si legge nel documento. Questo perché fino ai 25 anni il cervello umano è ancora in formazione.

Ma quali sono, secondo il rapporto Usa, i possibili danni da svapo? Le sigarette elettroniche, come è noto, riscaldano un liquido di solito contenente aromi e nicotina. Oltre alle già note controindicazioni della nicotina, gli esperti mettono in guardia anche dalle sostanze aromatizzanti. Tra tutte il diacetile ritenuto corresponsabile di alcune malattie respiratorie. E diversi metalli pesanti come nichel, piombo e stagno. Inalate attraverso il vapore possono raggiungere le vie respiratorie più profonde, procurando problemi al momento ancora imprevedibili. Certo è che rispetto ai danni da fumo sono senz’altro consigliabili per chi fatica a smettere di fumare.

 

To Top